Daily Archives

2 Articles

Posted by Redazione Rossonera on

Milan-Verona, la parola ai protagonisti

Milan-Verona, la parola ai protagonisti

MILAN-VERONA 1-1, PIOLI: “ANCHE SE IN EMERGENZA, CI ABBIAMO PROVATO. IBRA CI SARA’ NEL DERBY”

Nonostante l’emergenza e l’assenza del giocatore più importante in rosa (Ibrahimovic), il Milan ci ha provato fino all’ultimo contro una delle squadre più in forma del campionato. E’ questo il principale motivo di soddisfazione, a fine gara, per Stefano Pioli.

Abbiamo fatto la partita contro un avversario che sta bene e ci ha aggredito tanto – ha detto il tecnico rossonero -. E’ vero che abbiamo sofferto qualcosa, ma abbiamo concesso solo sei tiri in porta dove però siamo stati poco attenti. C’è il rammarico di non aver trovato subito il vantaggio dopo l’1-1 con quella ripartenza di Leao e Rebic. C’era voglia di continuare a vincere, dopo l’espulsione avremmo dovuto essere più lucidi perché c’era tempo per vincere. Ma non dimentichiamo che avevamo tanti assenti ed anche le fatiche di martedì in Coppa si sono fatte sentire”. 

A proposito di assenze, Pioli confida nel recupero di Ibra per il derby di domenica. “Ha avuto un affaticamento ad inizio settimana, ma è stata la febbre ad impedirgli di recuperare – ha spiegato il mister -. Ci sono comunque ottime possibilità di vederlo in campo con l’Inter. Ho sempre detto che ero contento del suo arrivo per la personalità, la presenza, il timore che mette sugli avversari. Ma questa squadra ha vinto partite anche senza di lui ed oggi stavamo per riuscirci. Spero comunque di averlo presto a disposizione”.

Intanto, è arrivato l’esordio di un altri Maldini, Daniel: “Spero che la dinastia di questa famiglia prosegua – ha detto Pioli -. Il ragazzo ha talento e qualità; sappiamo che queste caratteristiche da sole non bastano ma Daniel sta facendo bene. Ho sperato in un suo colpo alla fine. Gli ho solo detto la posizione che doveva tenere sul centrodestra ma non sono stato un buon veggente”. 

E sulla classifica che nelle ultime settimane sembra più gradevole, Pioli conclude: “Si vede che questa squadra ha spirito, su queste basi dobbiamo costruire qualcosa. Ci aspetta un calendario molto difficile tra campionato e coppa, dobbiamo recuperare energie e giocatori per fare scelte giuste nelle prossime gare”.

Si accontenta del punto conquistato a San Siro e della grande prestazione offerta dai suoi il tecnico del Verona Ivan Juric

 “Abbiamo fatto bene, dominando la gara per larghi tratti sia nel primo che nel secondo tempo – ha spiegato Juric -. Poi l’espulsione di Amrabat ha cambiato la partita. Faccio i complimenti ai ragazzi che hanno lottato col cuore anche in 10, credo sia un punto guadagnato. Ci dobbiamo salvare giornata dopo giornata, essere concentrati e consapevoli che le cose possono cambiare molto velocemente. Bisogna affrontare ogni gara con l’umiltà di oggi, siamo ancora molto lontani dal nostro obiettivo”. Sul modulo senza punte di ruolo, il tecnico scaligero ha spiegato: “E’ solo la seconda volta che giochiamo senza attaccanti, non volevo dare punti di riferimento”. Infine, Juric è stato stuzzicato su quanto sia difficile allenare giocatori come Kumbulla ed Amrabat, di fatto già ceduti, e sul suo futuro. “C’è un po’ di tensione, bisogna capire che vanno in squadre più forti e che fanno contratti milionari. Ma sono ragazzi seri ed attaccati alla squadra, al gruppo. Non credo ci saranno cali di attenzione e me lo stanno dimostrando. Il mio contratto? C’è un opzione per il prossimo anno ma, come ho detto al Presidente, ora dobbiamo solo pensare alla salvezza”. 

Enrico Aiello

Photo credits: acmilan.com

Posted by redazionevirtuale on

Pagelle Milan-Hellas Verona 1-1: Rimonta mancata, occasione sprecata.

Pagelle Milan-Hellas Verona 1-1: Rimonta mancata, occasione sprecata.

PAGELLE MILAN-HELLAS VERONA 1-1 – Dopo l’emozionante sfida di Coppa Italia con il Torino, i rossoneri ospitano una delle sorprese del campionato a San Siro. Prima mezz’ora in balla per la squadra di Pioli che viene soffocata dal pressing del Verona e si ritrova ancora una volta costretta a rincorrere il risultato. La fortunata rete di Çalhanoğlu su punizione da coraggio però a Romagnoli e compagni che per poco non chiudono la prima frazione di gioco in vantaggio. Secondo tempo quasi anonimo da parte dei ragazzi di Pioli che non riescono a sfruttare la superiorità numerica. Rimangono le difficoltà nell’approcciare bene le partite e chiudere la porta in casa. Che occasione sprecata visto i passi falsi di Roma e Atalanta. Derby next.

PAGELLE

Donnarumma 6: Non può niente sul goal di Faraoni, deve invece ringraziare entrambi i pali della sua porta nel secondo tempo. #AssentePresente

Calabria 5,5: Torna titolare a sorpresa a causa della tonsillite di Conti. Zaccagni e Lazović gli fanno passare un pomeriggio da incubo su quella fascia. C’è da dire però che si ritrova spesso più di un avversario da fronteggiare. Non riesce ad essere preciso quando si spinge in avanti. #DAIvide

Musacchio 6: Si riprende il posto al fianco di Romagnoli dopo le prime buone prestazioni di Kjær. Non commette errori individuali ma va in affanno anche lui quando il Verona attacca. Petto in fuori nel finale. #WelcomeBack

Romagnoli 7: Prova a suonare la carica dopo il dominio iniziale del Verona. Sfiora il goal di testa su calcio d’angolo. Attento a coprire gli errori dei suoi compagni. Tanta grinta e voglia di vincere. Una delle migliori prestazioni di questa stagione. #CAP

Theo Hernández 6: In assenza di Ibra e con poche idee di squadra, il gioco passa anche dalle sue accelerazioni. Si dimentica di fare la diagonale su Faraoni nell’azione che regala il vantaggio agli ospiti. Esagera con qualche tunnel di troppo. In fase calante, c’è da ricaricare le batterie in vista del derby. #Stanco

Çalhanoğlu 6,5: Chiamato a sostituire Bennacer in cabina di regia. Dopo la doppietta di coppa, ecco la rete su punizione tanto invocata dai tifosi. Fortunato sulla deviazione. Nel secondo tempo non riesce ad incidere. #PiedeÇaldo

Kessié 5,5: Poco preciso e coraggioso. Lotta nel secondo tempo, finendo anche da difensore centrale quando Romagnoli si butta in avanti in cerca di fortuna. #SiPuòFranckDiPiù

Castillejo 6,5: Molto generoso quando c’è da pressare, meno quando c’è da aiutare Calabria in affanno nel primo tempo. La maggior parte degli attacchi rossoneri passano per i suoi piedi. Finisce la partita stremato e prendendo un palo clamoroso. #Maratoneta

Bonaventura 5,5: Si guadagna la punizione del pareggio e poco altro. In crescita comunque rispetto alle ultime prestazioni poco brillanti. Paquetá gli da il cambio per cercare di dare una scossa. #WorkInProgress

Rafael Leão 5,5: Per la prima volta senza Ibra a sostenerlo, Zlatan gli tirerà le orecchie in settimana. Spaesato e sovrastato in avvio, cresce all’interno della prima frazione di gioco. Si spegne invece nel secondo tempo, mostrando poca grinta e il Milan gioca senza centravanti. #Nascondino

Rebić 5,5: Quasi sempre pericoloso quando viene cercato. Si divora un goal clamoroso a tu per tu con Silvestri. Nel secondo tempo si intestardisce con giocate difficile che non portano a niente. #MissYouZlatan

Paquetá SV: Entra dopo i vari malesseri fisici e di mercato. Non riesce a cambiare la partita.

Saelemaekers SV: Esordio per il giovane belga appena arrivato. Qualche buono spunto, un tiro fuori.

Maldini SV: Esordio anche per il figlio di Paolo. Avremmo tutti sperato in un debutto da leggenda.

Pioli 5,5: In piena emergenza, scelte di formazione quasi obbligate. Jurić prepara però la partita molto meglio di lui. Non si può continuare a sperare in rimonte miracolose. La difesa continua ad essere in affanno e senza Zlatan la squadra non attacca con la stessa convinzione. #Peccato

Tommaso Dimiddio

it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian