Milan-Torino, la parola ai protagonisti

Milan-Torino, la parola ai protagonisti

COPPA ITALIA, MILAN-TORINO 4-2 dts. PIOLI: “QUALIFICAZIONE MERITATA, REBIC GIOCATORE RITROVATO”  

Dopo una battaglia durata 120 minuti, Stefano Pioli si gode non solo la qualificazione alle semifinali di Coppa Italia, ma anche una gara nel complesso spettacolare. 

“E’ stata una bellissima partita – ha esordito il tecnico emiliano -, non meritavamo di andare in svantaggio, anzi avremmo dovuto chiudere il primo tempo con un vantaggio più ampio. Sono soddisfatto perché questa squadra sta mettendo in campo generosità e voglia di star dentro la partita. Nel complesso, direi che il passaggio del turno sia meritato”. 

E questo nonostante una difesa che anche stasera ha subito due gol ma che, secondo Pioli, “contro il Torino ha rischiato meno delle ultime gare, in cui avevamo concesso qualcosa in più. Sul primo gol ci siamo fatti sorprendere su un nostro errore ma la squadra ha saputo tenere bene il campo ed essere compatta. E’ comunque inevitabile concedere qualcosa in più se si crea tanto e stasera abbiamo costruito davvero tantissime occasioni”. 

In attacco, invece, le cose sembrano finalmente funzionare. “Abbiamo tanti giocatori, abbiamo tenuto in campo quattro calciatori offensivi. L’importante è che la squadra sia sempre equilibrata, poi ci sono anche soluzioni a gara in corsa che possono risultare decisivi come questa sera. Aldilà del numero di attaccanti, è importante rafforzare i concetti su cui stiamo lavorando e limare situazioni che talvolta non ci vedono molto compatti. Solo così potremo essere più efficaci”.

Sui singoli, Pioli ha elogiato Rebic “anche stasera un’ottima prestazione, è un giocatore ritrovato ed in grado di strappare” e rivolto parole dolci per Piatek: “tutti i giocatori a disposizione lavorano bene. Ci può stare non essere al top della condizione per tutto l’anno ma la stagione è ancora lunga, tra Campionato e Coppa Italia, e c’è bisogno di tutti”. 

Ed a proposito di semifinale, Pioli chiude: “Affronteremo la squadra più forte che però non è imbattibile. Prima, però, bisogna pensare al Campionato ed alla prossima partita, che è sempre la più difficile”. 

Enrico Aiello

Credits: AcMilan.com

Enrico Aiello


it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian