Milan Femminile, Francesca Vitale a Radio Rossonera: “Quel gol? Una gioia grandissima”

Milan Femminile, Francesca Vitale a Radio Rossonera: “Quel gol? Una gioia grandissima”

MILAN FEMMINILE, VITALE – É stata la “Woman of the match” di Milan-Juventus, con quello stacco più in alto di tutti all’ultimo secondo di partita: Francesca Vitale ha permesso alle rossonere di pareggiare 2-2 il big match si Serie A Femminile nell’ultima giornata. Abbiamo avuto il piacere di intervistarla su Radio Rossonera, all’interno della trasmissione “Il diavolo veste rosa”.

Partiamo dal gol al 93′, quello che tutti i difensori sognano di fare: ci racconti la scena del gol, dalla tua prospettiva, e cosa hai provato in quel momento?

É difficile da spiegare perché era la fine di un partita lunga e difficile. Oltretutto poco prima avevo avuto un’altra occasione per pareggiare ma avevo mancato la palla di poco davanti alla porta. Poi è arrivata questa punizione e ho pensato “è il momento: adesso o mai più”. La palla è arrivata, io ho saltato, poi mi sono girata e ho visto che stava entrando in rete. Il resto posso solo dire che è stata una gioia grandissima.

Come già hai accennato, pochi secondi prima del gol avevate avuto un’altra occasione per pareggiare, non concretizzata: quanto è difficile, dopo aver sbagliato un’occasione alla fine del match, pensare che forse ce ne sarà un’altra e probabilmente sarà veramente l’ultima?

É molto difficile perché c’è il rischio di mollare. Poi però ho visto quella punizione e tutte le mie compagne che salivano: lì ho capito che non era finita, che avevamo un’altra occasione, che ce la potevamo fare.

Dopo il gol e l’esultanza con le compagne sei corsa verso la panchina e hai abbracciato il mister. Che cosa c’era in quell’abbraccio?

La mia corsa era verso tutta la panchina perché so quanto si soffre vedendo la partita da lì. Poi il mister mi è venuto incontro e mi è venuto spontaneo abbracciarlo. Anche perché quest’anno non ho giocato tantissimo ma lui mi ha sempre tenuto in considerazione, e per un giocatore questo è importante.

Infatti quest’anno hai avuto poco spazio e quando hai giocato spesso lo hai fatto in un ruolo non tuo, quello di terzino. E l’hai fatto in partite importanti: l’Inter prima, la Juve poi. Come ti sei sentita quando hai saputo che saresti stata il terzino titolare conto la Juventus?

Durante la settimana della sosta ho lavorato tanto per rimettermi in condizione ed essere pronta. Quando Ganz ha letto la formazione ero molto contenta anche se sapevo che avrei dovuto dare il massimo, essendo un ruolo non mio. Credo sia andata bene e nel frattempo continuo a studiare i movimenti e le posizioni tipiche di un terzino per farmi trovare ancora più pronta.

La partita è andata come l’avevate preparata, nonostante il campo? Sia per quanto riguarda la vostra tattica di gioco sia per quella dell’avversario, dato che la Juventus aveva a disposizione più giocatrici come titolari

Diciamo che le condizioni del campo ci hanno complicato un po’ la vita perché noi siamo abituate a giocare palla a terra e con tutta quell’acqua non si riusciva. Abbiamo quindi cercato di giocare più a lanci in avanti, perché era l’unico modo per mettere in difficoltà la Juve. Poi anche loro erano in difficoltà perché sono molto tecniche e il campo non aiutava. In generale credo che entrambe le squadre abbiamo dovuto cambiare strategie visto il tempo.

Ora il Milan ha praticamente esaurito gli scontri diretti mentre le altre contendenti al titolo ne hanno ancora parecchi, come gestirete questa fase del campionato, soprattutto dal punto di vista mentale?

Dobbiamo essere brave a rimanere concentrate e a non perdere punti per strada, perché poi sono questi che fanno la differenza alla fine. Anche perché ci sono squadre che sono in basso in classifica ma giocano bene quindi dovremo stare molto attente.

Con il gol alla Juve hai realizzato un sogno… qual è il prossimo?

In teoria non dovrei neanche dirlo, se no poi non si avvera! Ora come ora dobbiamo solo pensare a vincere tutte le partite.

Ringraziamo Francesca Vitale e AC Milan per l’intervista
Photo Credits: ACMilan.com

Lucia Pirola


it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian