Daily Archives

One Article

Posted by Redazione Rossonera on

Pagelle Milan-Fiorentina 1-3: crisi (rosso) nera

Pagelle Milan-Fiorentina 1-3: crisi (rosso) nera

PAGELLE MILAN-FIORENTINA 1-3 –  Serata da incubo per i rossoneri. Quando San Siro fischia tra il primo ed il secondo tempo non è mai una buona notizia. Aldilà della tattica, ci si chiede perché gli avversari del Milan sembrano sempre avere più gamba e più voglia. L’inferiorità numerica non può essere un alibi per Giampaolo quando già nel primo tempo la partita aveva preso una piega ben precisa. Rafael Leão è l’unico a salvarsi nella sofferenza rossonera, c’è da augurarsi che non si perda all’interno di un gruppo troppo debole mentalmente. Quattro sconfitte dopo sei partite non si vedevano dalla stagione 2012/2013 e dopo sei anni le cose non sembrano essere cambiate. I tifosi contestavano allora e i tifosi contestano oggi. Come uscirne? Massimiliano Allegri era sulla panchina rossonera in quella stagione, e in tanti si auguravano il suo esonero. Forse è il caso di riavvolgere il nastro.

PAGELLE

Donnarumma 6: Dopo soli 10 minuti di gioco, si salva in qualche modo sul tiro al volo ravvicinato di Chiesa.  Più con la tempia che con i guantoni. Vince il duello con Ribery ma, spiazzato, non può niente sul rigore perfetto di Pulgar. Si guadagna la sufficienza parando il rigore a Chiesa, confermandosi l’unico top di questa rosa. #ForeverAlone

Calabria 5: Dopo pochi minuti prova ripetere il tiro al volo di Verona senza però inquadrare la porta. Soffre la pressione ed il giro palla della squadra di Montella. Quando prova a spingere, non trova supporto e movimenti da parte dei suoi compagni. La sua faccia dice tanto di questo inizio di stagione. #Sconsolato

Musacchio 4,5: Si fa saltare come un birillo da Ribery nell’azione che porta al vantaggio viola. Completa la sua pessima prestazione facendosi espellere all’inizio della ripresa dopo un’intervento killer e senza senso sul numero 7 viola. #FuoriGiri

Romagnoli 5: Completa la coppia di birilli con Musacchio quando Ribery decide di fare quello che vuole sotto la Sud. Ci prova da fuori senza successo nel primo tempo, prendendosi i pochi applausi della serata. Protestare con l’arbitro non significa però essere in grado di guidare un gruppo visto che affonda insieme al resto della barca. #capitaNO.

Theo Hernández 5: Sembra cominciare bene con il solito appoggio alla manovra rossonera. Non riesce quasi mai a contenere Chiesa e le altre frecce viola però che mettono in evidenzia tue le difficoltà dell’ex madridista quando viene attaccato. #DaMigliorare

Bennacer 4,5: Perde troppi palloni sanguinosi per essere il regista del Milan. Ingenuo quando sgambetta prima Chiesa e poi Castrovilli nell’area piccola. San Siro non gli perdona qualche rallentamento di troppo e un paio di aperture sbagliate. #MenoBenne

Kessié 5: Il fatto che Bennacer e Çalhanoğlu facciano peggio di lui in fase di impostazione non lo assolvono da una partenza col freno a mano tirato. Non riesce questa volta a sfruttare la sua potenza fisica. Paga lui, non a caso il meno tecnico dei tre, il pessimo primo tempo del centrocampo rossonero e viene sostituito. #Sacrificato

Çalhanoglu 4,5: Pessimo inizio di partita, è sua la palla persa dalla quale nasce il rigore avversario che sblocca la partita. Questa volta la Viola non gli porta per niente bene. #InÇalho

Suso 4,5: Dopo una partenza sottotono, è il primo a testare i guantoni di Drągowski con il più classico dei suoi tiri a giro. Giampaolo si convince però a sostituirlo nella ripresa dopo aver passato tutta l’estate a difenderlo. Mancanza di offerte o equivoco tattico? La scelta di rinunciare al trequartista per riproporlo esterno non sembra pagare. Tanti fischi anche per lui. #Anonimo.

Rafael Leão 6,5: Solita intraprendenza, freschezza e prestanza fisica per il giovane portoghese. Il migliore del Milan insieme a Donnarumma. Segna un goal, bellissimo, da potenziale campione, regalando l’unico sorriso ai tifosi rossoneri. L’unico a salvarsi, l’unico in grado di saltare l’uomo. Si fa anche notare in fase di non possesso. #UnicaGioia

Piątek 5: Non ha la stessa fortuna di Leão a Torino quando, sul punto di colpire di testa, viene probabilmente atterrato da Cáceres in area di rigore. Gira tanto ma a vuoto. Quando Giampaolo lo sostituisce per rimediare all’espulsione di Musacchio, i fischi di San Siro non sono forse solo per il Mister. #Irriconoscibile

Krunić SV: Esordio ufficiale in maglia rossonera per il centrocampista Bosniaco. Niente da  dichiarare, rischia però di infortunarsi cadendo male sulla spalla.

Duarte SV: Anche lui, come Krunić, non poteva augurarsi un momento peggiore per esordire a San Siro con la maglia del Milan. Entra quasi a freddo.

Giampaolo 4,5: Altra pessima prestazione da parte dei suoi. Non si capisce se sia più un problema tattico o di testa. In ogni caso è suo compito correre ai ripari al più presto. Qualche fischio al momento della lettura delle formazioni e altri quando toglie Piątek dal campo. Pazienza finita? #UltimaSpiaggia

Tommaso Dimiddio

it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian