NEWS

310 Articles

Posted by Redazione Rossonera on

Milan Femminile, 1-1 contro la Fiorentina: una storia tra Viola

Milan Femminile, 1-1 contro la Fiorentina: una storia tra Viola

MILAN FEMMINILE – Sabato 2 novembre 2019, stadio Bozzi di Firenze: una trentaduenne fiorentina di nascita e una ventottenne fiorentina d’adozione decidono il big match tra Fiorentina Women e Milan Femminile, valida per la quinta giornata di campionato.

Già, il caso ha voluto che fossero proprio le due principali esponenti -per legami con il capoluogo toscano- delle rispettive squadre a mettere la firma sull’1-1 finale, che porta a Milan e Fiorentina un punto in più in classifica.
Alia Guagni, capitano delle viola, fiorentina di nascita, di cuore e di caparbietà -ricordiamo i rumors di sirene madrilene, arrivate quest’estate e rispedite al mittente- sigla il gol dell’1-0 raccogliendo un assist di Bonetti e dipingendo uno splendido pallonetto che si infila alle spalle di Korenciova e fa esplodere i fomentati tifosi viola sugli spalti, tra i quali spunta la famiglia Commisso. È il 33’ del primo tempo, ed è proprio la numero 3 con la fascia al braccio a portare avanti la propria squadra, trascinando di forza il risultato fino al 45’.

Nel corso dell’intervallo in tribuna non c’è pace: canti, cori, estasi a tinte viola coinvolgono buona parte dei tifosi presenti, escludendo solo la piccola ma chiassosa schiera di tifosi milanisti accorsi allo stadio. I cori per il Diavolo e per le rossonere (“Che bello è/quando esco di casa/per andare allo stadio/ a veder le ragazze”) animano la competizione tra tifoserie, ma davanti alla performance dedicata a “mamma Guagni” si tratta solo di stare a guardare e apprezzare in religioso silenzio.

Nel secondo tempo è la più fiorentina tra le milanesi a rispondere sul campo: Deborah Salvatori Rinaldi -4 anni di militanza nel Firenze, 2 nella Fiorentina Women, 1 nel Florentia- riporta in gara il Milan con un gol incomprensibile se non in termini di sana determinazione e talento sotto porta. Al termine di una azione concitata di batti e ribatti, la numero 22 rossonera si avventa su un pallone apparentemente destinato a rocambolare fuori, ma con un leggero e fortuito tocco, simile ad un impalpabile bacio di buon augurio, la palla finisce in porta. E mentre le viola si guardano sbigottite, invocando una qualche irregolarità, Rinaldi mostra a tutti gli astanti come “seguire il sole” -la sua esultanza ormai sdoganata- anche in una giornata umida e uggiosa di inizio novembre.

Il Milan femminile torna a casa con un punto -sul cui valore i tifosi tuttora si interrogano-, ma chi con quel “bacio al pallone di Firenze” ha stregato tutti è di nuovo lei, Deborah Salvatori Rinaldi, al terzo gol -pesantissimo- in cinque giornate. Proprio lei, che a casa a Milano non ci torna, si ferma a Coverciano: proprio ieri è arrivata la chiamata in nazionale, in occasione delle prossime due partite di qualificazione agli europei. Un inizio di campionato niente male.

Photo Credits: AcMilan.com

Lucia Pirola

Posted by redazionevirtuale on

Milan-Lazio 1-2, the day after! Tra la partita di Piatek, il centrocampo e il cambio decisivo

Milan-Lazio 1-2, the day after! Tra la partita di Piatek, il centrocampo e il cambio decisivo

MILAN LAZIO – Mister Pioli cambia due uomini rispetto alla partita contro la Spal, Calabria prende il posto di Musacchio con Duarte al centro della difesa e Krunic prende il posto di uno spento Kessie. Il Milan parte bene, sfiora il goal con Paqueta, ma la Lazio davanti ha giocatori molto tecnici che riescono spesso a trovare la giocata che impensierisce la difesa rossonera. Immobile di testa porta in vantaggio la Lazio, ma Piatek con un tocco in area deviato poi da Bastos pareggia subito. Nella ripresa entrambe le squadre danno l’impressione di voler vincere la partita. Pioli ci prova togliendo Paquetà e inserendo Leao, ma proprio questo cambio toglie palleggio in mezzo al campo alla squadra rossonera e permette alla Lazio di impossessarsi piano piano del gioco . Il Milan lascia ampi spazi per le ripartenze, e da una di queste nasce il goal di Correa sfrutta nel migliore dei modi una gran palla di Luis Alberto. La Lazio torna a vincere a S. Siro dopo 30 anni.

PIATEK – A differenza di altre partite sembra entrare di più nel vivo del gioco, soprattutto nel primo tempo. Prova qualche sponda interessante per i compagni e prova un paio di volte il tiro. Mette lo zampino sul goal del pareggio, ma nella ripresa sparisce insieme alla maggior parte dei suoi compagni.

Ancora troppo poco questo Piatek, spesso pasticcia con il pallone e perde tempi decisivi per giocate importanti. Il polacco non riesce ad uscire da suo momento negativo, i tifosi rossoneri sperano in un rapido cambio di tendenza.

IL CENTROCAMPO – La sorpresa nella formazione iniziale è l’inserimento nell’undici titolare di Krunic. L’ex giocatore dell’Empoli ha dato più dinamismo al centrocampo e più soluzioni in fase offensiva, almeno fino a quando la condizione ha retto è stato uno dei più positivi della partita. La prova di Bennacer è stata a due facce, un primo tempo abbastanza negativo con alcune palle insidiose perse e un secondo tempo molto più positivo a lottare in mezzo al campo e a far girare la squadra.

Sembra che a questo Milan manchi ancora qualcosa in mezzo al campo, manca quell’esperienza che sicuramente nella partita di ieri sera avrebbe portato un maggiore equilibrio in mezzo al campo. Manca personalità nella zona centrale del campo ed Elliot a Gennaio dovrà cercare di intervenire anche qui, regalando a Pioli quel giocatore di esperienza e tecnica in mezzo al campo che alla squadra rossonera manca da parecchio tempo.

IL CAMBIOLa partita cambia al minuto 53, fuori Paquetà, dentro Leao. Mister Pioli cerca di trovare il cambio vincente, ma invece trova l’esatto opposto. Leao, forse sconsolato per la seconda panchina consecutiva, non riesce a dare quella scossa che gli chiedeva Pioli, anzi, spesso risulta fuori dal gioco, si fa vedere troppo poco e quando ha la palla nei piedi risulta poco incisivo. Con l’uscita di Paquetà il Milan perde qualità nel palleggio in mezzo al campo e lascia spesso il pallino del gioco in mano alla squadra biancoceleste.

Nel provare a vincere la partita Pioli la perde. Bisogna però riconoscere del coraggio in questa sostituzione, probabilmente la posizione così deficitaria in classifica ha fatto propendere per questa scelta così offensiva, il Milan come non mai ha bisogno di punti per risollevarsi, la scorsa sera è andata male, speriamo che la prossima volta un cambio così “azzardato” porti i suoi frutti.

Cristian Claretti

Photo Credits: AcMilan.com 

 

 

 

Posted by Redazione Rossonera on

Milan-Lazio, le parole dei protagonisti

Milan-Lazio, le parole dei protagonisti

MILAN-LAZIO, PIOLI: “CHE ERRORI SUI GOL, MA VEDO UNA SQUADRA IN CRESCITA”

Rammaricato per il risultato ma soddisfatto per la prestazione dei suoi ragazzi. Stefano Pioli vede una squadra in crescita, al termine della sconfitta con la Lazio, ma i risultati continuano a latitare.

“Non mi sento in un labirinto, vedo una squadra in crescita – ha detto il tecnico rossonero -. Oggi un risultato positivo sarebbe stato importantissimo ma c’è stata la prestazione. Abbiamo cercato di ribattere colpo su colpo contro una squadra forte, prendendoci rischi ma facendoli anche correre alla Lazio. La strada è quella giusta, dobbiamo solo pensare ad alzare ancora il nostro livello di prestazioni”.

Analizzando la gara, Pioli prova a trovare una spiegazione sui gol subiti: “In entrambi i gol della Lazio siamo in superiorità numerica ma non leggiamo bene la situazione. Dobbiamo interpretare meglio le situazioni ed essere più veloci. A 10′ dalla fine una squadra che sta facendo quella prestazione non deve prendere quel gol. E’ vero che Theo Hernandez va sfruttato di più in fase di spinta ma bisogna essere anche bravi a coprire la sua posizione. Oggi nel secondo tempo eravamo a 3, Calabria era il terzo difensore e Rebic a centrocampo. Ma non è una questione di numeri. E’ grave il modo in cui prendiamo il secondo gol, ci è costato la partita. Ce la siamo giocata alla pari con una squadra molto forte, che deve arrivare tra le prime 4 se non vuole incorrere in una grande delusione”.

Molto deludente, invece, l’apporto dei calciatori subentrati, a cominciare da Rafael Leao. “Ma non voglio puntare il dito contro nessuno – ha spiegato Pioli -. Certo, da Leao mi aspettavo di più, doveva darci profondità, strappi ed uno contro uno. Deve far meglio, oggi il suo ingresso non è stato all’altezza delle sue potenzialità. Questa squadra non avrà grandissimi campioni ma ci sono ottimi giocatori, di gran qualità. Siamo una squadra giovane ma di giovani maturi che devono capire come si interpreta ed approccia una partita: e questo vale sia per i titolari che per chi entra in campo a partita in corsa”.

Ed a chi gli chiede se i problemi del Milan siano più tecnici o di testa dei calciatori, Pioli replica. “Si parla tanto della testa dei giocatori ma oggi la squadra ha battagliato per 90′, non si è arresa, ha giocato e lottato pur commettendo errori. Dobbiamo essere più precisi, a volte sbagliamo alcune scelte. Dobbiamo crescere ma non vedo una squadra impaurita. L’unico momento in cui forse ho visto una squadra impaurita è stato quando sono arrivato, ma adesso vedo giocatori convinti. Ieri ho parlato di squadra che ci crede, stasera abbiamo lottato contro una squadra molto forte. I ragazzi sono usciti dal campo ed avevano la testa bassa per la sconfitta ma erano convinti del proprio percorso di crescita”.

INZAGHI

Si gode il successo della Lazio dopo 29 anni di digiuno a San Siro in campionato, invece, il Simone Inzaghi.

“Volevamo sfatare questo tabù, avevo detto alla squadra che si poteva fare, anche perché qui avevamo vinto lo scorso anno in Coppa Italia. Abbiamo vinto meritatamente, il Milan ha fatto una buona gara ma noi abbiamo fatto di tutto per vincere, pur subendo un gol fortuito – ha esordito il tecnico biancoceleste -. I cambi ci hanno aiutato, nonostante li abbiamo fatti per alcuni problemini fisici. Quando comandiamo la partita, 9 volte su 10 la vinciamo. Vogliamo costruire, spesso riusciamo a farlo altre volte meno. Oggi non era facile, il Milan alzava Bennacer su Leiva e non era facile. Nel primo tempo potevamo far meglio, sapevamo che il Milan sarebbe calato nella ripresa avendo giocato giovedì”.

Photo Credits: AcMilan.com

Enrico Aiello

Posted by redazionevirtuale on

Pagelle Milan-Lazio 1-2: Amaro e delusione

Pagelle Milan-Lazio 1-2: Amaro e delusione

Pagelle Milan-Lazio 1-2 – Dopo la prima vittoria della stagione Pioli, il Milan era chiamato a dare continuità più nei risultati che nelle prestazioni, visto il pochissimo gioco messo in mostra contro la SPAL. Pioli ritrova la Lazio, che aveva portato in Champions, ed è chiamato ad un’insperata vittoria per poter tenere acceso un lumicino per portarci il Milan, in Champions.

Il primo tempo rossonero è più che buono. Abolito il possesso di palla sterile, il Milan è veloce come non mai in stagione. Al 20’ arriva il vantaggio Lazio con Immobile, che gira benissimo di testa. Tre minuti dopo, il pareggio rossonero con l’autogol di Bastos. C’è stata una reazione ed è forse il segnale che più si voleva vedere. Il secondo tempo, il Milan gioca bene e rischia poco, ma subisce il 2-1 in contropiede da Correa. Sconfitta immeritata, che lascia però qualche buona impressione per il futuro. Manca, però, il carattere, sempre di più.

L’ultima sconfitta casalinga con la Lazio era datata 1989, firmata da un autogol di Paolo Maldini. Ora la Champions sembra impossibile. Gravissime lacune difensive e di personalità. E al prossimo turno c’è la Juve…

 

Pagelle

Donnarumma 6: Incolpevole sui gol. Qualche uscita sbagliata, ma rimedia. Rimane indubbiamente il punto fermo della squadra. #GigiOne

Calabria 5: Ritrova la fascia, dopo l’esperimento Duarte. In fase difensiva sembra ancora un po’ insicuro, meglio le sovrapposizioni. Ma ancora tanti, troppi errori. I fischi, però, non aiutano, anzi… #Daivide

Duarte 5: Torna al centro dal primo minuto. Malissimo sul gol di Immobile, che gli stacca in faccia. Male anche nel secondo tempo, viene puntato e soffre tantissimo, rischiando il secondo giallo. #Dualipa

Romagnoli 6: Meglio delle uscite precedenti, molto bene su Correa a fine primo tempo. In area, da manuale il non uso delle braccia. E, viste altre squadre, è già molto. La svolta mentale del Milan deve passare dal suo capitano. #Laziognoli

Theo 6: Meno treno del solito, ma è comunque una delle certezze di questo Milan. Benissimo le sovrapposizioni e la spinta, da rivedere le coperture difensive. Corre molto, forse troppo. #Almenotu

Krunic 6,5: Rileva probabilmente il peggiore di inizio stagione, soprattutto per l’atteggiamento. Bene gli inserimenti ed i movimenti senza palla. Molto più nel gioco di Kessie. #Titolareprego

Bennacer 6,5: Inizia a far intravedere qualcosa. Bene nel seguire le azioni, ma ancora un po’ troppa timidezza. Serve anche ridurre un po’ i tocchi pre-giocata, ma è presente nel gioco. Ha bisogno di continuare a giocare per acquisire fiducia ed automatismi. #Ni

Paquetà 6: Ok, la qualità ce l’hai, ma un po’ di concretezza sottoporta non guasterebbe. Molto bene quando smista a centrocampo, meno quando basterebbe la bordata per segnare, oggi come contro la SPAL. #Puntazzadai

Castillejo 7: Qualità, corsa e profondità. I 32 minuti che gioca sono tra i migliori da quando è al Milan. Si fa male nel suo miglior momento #Annamobene

Piatek 5: Mette lo zampino sul pareggio, ma forse nemmeno lui sa come. Bene nella partecipazione al gioco, male palla al piede, troppo macchinoso. Deve tornare il king dell’area di rigore dell’anno scorso. #Krysztzofincroce

Calhanoglu 6,5: È in un momento di grazia. Nel primo tempo gli riesce tutto, fa quello che vuole, compresi vari cambi di gioco Milano-Roma. Deve solo tenere di testa. #Calhasiglu

Rebic 5: Vero mistero del mercato estivo, entra al 32’ per l’infortunio di Castillejo e ha subito una buona occasione, che spara a lato di testa. Tatticamente benino, ma deve trovare la cattiveria e la corsa palla al piede che lo contraddistinguono. È un giocatore di livello, ha tutta la qualità e personalità per essere titolare nel Milan. #Fantasmadellopera

Leao 5: Poco, pochissimo da quando entra. Male anche nell’atteggiamento, zero palloni cercati. Enorme passo indietro. #Cosìno

Bonaventura SV

Pioli 5,5: La squadra gira meglio che a Roma, qualche buona impressione c’è. Ma ancora troppi errori e pochissima rabbia dopo il 2-1. Troppo fragili mentalmente, quasi rassegnati. Serve più #inc*zzatura

Federico Rosa

Posted by redazionevirtuale on

Milan-Spal 1-0, the day after! Il modulo, la fase offensiva e la partita di Suso

Milan-Spal 1-0, the day after! Il modulo, la fase offensiva e la partita di Suso

MILAN SPAL – La squadra rossonera scende in campo con alcuni cambi rispetto alla partita di Roma, Pioli mette a sedere in panchina Conti, Biglia, Leao e Suso per dare spazio a Duarte, Bennacer, Piatek e Castillejo. Interpreti diversi, ma non cambia molto. Il Milan risulta spento, con un gioco praticamente nullo. Uno dei pochi a ravvivare il primo tempo è l’esterno spagnolo che cerca di dare fastidio alla Spal con inserimenti alle spalle della difesa. Da uno di questi inserimenti nasce l’azione più pericolosa del primo tempo, con Castillejo che colpisce la traversa da pochi passi. Nel secondo tempo mister Pioli cerca di cambiare qualcosa inserendo Calabria per dare più spinta sulla fascia destra, e riporta la difesa a 4. La manovra del Milan risulta sempre sterile e le azioni pericolose si possono contare sulle dita di una mano. Suso entra in campo al 57′ e 6 minuti dopo realizza il goal su punizione che decide il match.

Poco, troppo poco, questo Milan per dare fiducia e morale ai tifosi rossoneri. Le sfide con Lazio, Juventus e Napoli diranno cosa ne sarà di questo Milan, sicuramente serve molto di più rispetto alle ultime uscite per riuscire a portare a casa qualche punto e muovere la classifica.

 

IL MODULO – La cosa chiara a tutti è che la squadra rossonera dopo 10 giornate non ha ancora trovato la sua identità tecnico-tattica. Mister Pioli sta cercando di trovare in tutti i modi un modulo che possa dare solidità alla squadra e allo stesso tempo soluzioni offensive interessanti, ma la strada è lunga e tortuosa. Ieri nel primo tempo la squadra si è disposta con una difesa a tre, T. Hernandez e Castillejo larghi sulle fasce, tre centrocampisti e Calhanoglu vicino a Piatek, modulo che si avvicinava molto ad un 3511. Nella ripresa, e con l’ingresso di Suso, si è tornati al solito 433 e la squadra, anche se a piccole dosi, è sembrata più equilibrata e incisiva.

Dopo quasi un terzo del campionato, la squadra rossonera risulta ancora senza idee e con poche sicurezze. Pochi i punti fermi della squadra su cui impostare il modulo e la manovra, servirà tanto lavoro nelle prossime settimane per trovare una soluzione.

 

LA FASE OFFENSIVA – Con soli 10 goal fatti in 10 giornate il Milan ha uno dei peggiori attacchi del campionato. Se consideriamo che 4 di questi goal sono arrivati su calcio di rigore o punizione, il dato è ancora più preoccupante. Uno dei problemi principali risulta essere Piatek, un grande finalizzatore dentro l’area, ma fuori risulta avere limiti tecnici che non gli consentono di giocare per la squadra e spesso risulta troppo facile da marcare e da intercettare per i difensori avversari.

La squadra rossonera fatica a creare occasioni da goal, spesso le partite vengono decise da giocate individuali, e su questo piano il polacco ne risente, poche palle giocabili in queste partite dentro l’area, poche occasioni per lui per andare a rete. Sorge un dilemma a questo punto, continuare ad insistere con Piatek unica punta o provare a dare delle varianti al modulo inserendo Leao come spalla del polacco?

 

LA PARTITA DI SUSO – Fischiato da tutto lo stadio al momento delle formazioni, entra in campo e sembra che la panchina gli abbia fatto bene. Subito nel vivo del gioco, a differenza di altre volte non sparisce dal campo, si fa vedere, dialoga con i compagni, cerca meno l’azione personale e più la giocata per la squadra. Entra con la cattiveria giusta che gli è mancata nelle ultime partite e recupera anche un paio di palloni nel finale. Fa pace con i tifosi con la punizione che decide la partita, anche se qualcuno al suo goal si è rifiutato di esultare.

La scelta di Pioli di farlo accomodare in panchina probabilmente è stata la scelta giusta, nessuno in questa squadra è intoccabile, soprattutto dopo la serie di pessime prestazioni dell’ultimo periodo, una scossa che è servita a Suso e che deve essere da lezione per l’intera squadra.

Cristian Claretti

Photo Credits: AcMilan.com 

 

 

 

Posted by Redazione Rossonera on

Milan-Spal, le parole dei protagonisti

Milan-Spal, le parole dei protagonisti

MILAN-SPAL -, PIOLI: “ECCO LO SPIRITO CHE VOLEVO, SENTO CHE QUESTA SQUADRA PUO’ CRESCERE”

Niente scherzetto, ma un dolcetto che vale tre punti per Stefano Pioli, che al terzo tentativo trova finalmente il suo primo successo sulla panchina del Milan. 

 “Avevo chiesto alla squadra di mostrare lo spirito e lo spirito è stato quello giusto – ha esordito il tecnico rossonero  -. Stasera abbiamo rischiato poco, peccato aver tenuto il risultato in bilico fino alla fine ma vincere e soffrire ci può far bene. Se questa vittoria può rappresentare la svolta? La partita che può cambiare la stagione è sempre la prossima. Sono contento per i ragazzi, la società ed i tifosi che ci hanno sostenuto, ma dobbiamo già pensare alla Lazio, un avversario molto forte”.

A scacciare le streghe ci ha pensato Suso, che Pioli aveva tenuto inizialmente in panchina per la prima volta in questo campionato e dopo 17 consecutive da titolare. “Jesus è un giocatore di grande qualità, può fare di più per le sue capacità, sono contento di allenarlo – ha detto il mister -. Ma noi dobbiamo pensare da squadra e non ai singoli, non si vince e non si perde grazie ad un solo giocatore. Oggi abbiamo vinto tutti, contro un avversario che è venuto a pressarci molto alto. Avevo detto ai ragazzi che era difficile che la Spal tenesse i ritmi del primo tempo. Nei primi 45’ non abbiamo creato molto ma non abbiamo rischiato, nei secondi la Spal ci ha permesso di palleggiare di più ed arrivare più spesso vicino alla loro porta. C’era il rischio di innervosirci e perdere lucidità ma non ci siamo mai abbattuti”.

Nuovamente sollecitato sulla possibile coesistenza tra Piatek e Leao, Pioli si ripete: “E’ possibile vederli insieme, stavo pensando di inserire Leao quando non riusciamo a sbloccarla; se Suso non avesse segnato, lo avrei inserito largo a sinistra per farlo accentrare. Per il momento non posso farli giocare insieme almeno finché non avremo più equilibrio e più convinzione”.

Intanto, domenica sera con la Lazio il Milan è atteso dalla prima di un trittico durissimo che proseguirà con Juventus e Napoli. “Sento che la squadra può crescere, se siamo convinti tutto è possibile – ha chiosato il tecnico rossonero -. Le prossime sono gare difficilissime, dobbiamo affrontarle una alla volta ma essere preoccupati nel modo giusto. Dobbiamo sempre battagliare, come oggi. Se manteniamo questo spirito, abbiamo la qualità per far bene, m solo con la qualità non si vince, nel calcio di oggi non basta più. Adesso dobbiamo recuperare le energie fisiche e mentali in vista di domenica”. 

SEMPLICI

Ha le idee poco chiare e non mostra grande lucidità a fine gara, il tecnico della Spal Leonardo Semplici, che esordisce lamentandosi per la direzione di gara: “Sono arrabbiato – ha detto il tecnico spallino -, faccio i complimenti al Milan che ha meritato ma mi piacerebbe rivedere alcune situazioni, dalla posizione di Piatek nell’azione che ha portato al gol di Suso al secondo giallo su Bennacer che nessuno ha segnalato. So che la Spal interessa meno ed ha meno appeal, ma anche noi lavoriamo. La squadra ha disputato una buona gara, i ragazzi ci mettono l’anima. In tre anni non ho mai giudicato l’operato degli arbitri, ma stasera voglio capire il posizionamento di Piatek sul gol ed il mancato secondo giallo a Bennacer. Magari avremmo perso ugualmente, ma vorrei che ci venga dato ciò che si spetta”.

Subito dopo le telecamere di Sky gli mostrano la posizione (regolare) di Piatek da cui è nata la punizione di Suso e Semplici si ravvede: “mi sembra buona. Mi ha fatto dispiacere di più il mancato secondo giallo a Bennacer a dieci minuti dalla fine, in 11 contro 10 potevamo giocarla diversamente. Devo migliorare io e tanto, e far migliorare i ragazzi”.

Photo Credits: AcMilan.com

Enrico Aiello

Posted by redazionevirtuale on

Pagelle Milan-Spal 1-0: Suso Ebbasta. Tre punti e sofferenza

Pagelle Milan-Spal 1-0: Suso Ebbasta. Tre punti e sofferenza

Pagelle, Milan, Spal – A giudicare dall’attesa nel prepartita, più che Milan-SPAL, sembrava la finale di Champions. E già questo basterebbe ad inquadrare il momento. Delle prime nove partite stagionali, erano salvabili 45 minuti contro il Lecce. Per il resto, tanta, tantissima confusione. Poi la sconfitta di Roma, dove sembrava essere arrivato uno step successivo: la rassegnazione. Tanti errori banali, superficiali. Nessun segno di reazione. Che il problema fosse un problema più di testa che di gioco, era chiaro. Qualcuno aveva mollato a livello mentale. Ad ottobre. Impensabile. Imperdonabile. A questo Milan sembra mancare tutto e il carattere più di tutto. Servono leader, servono prese di responsabilità, serve rabbia. Serve un capitano, si direbbe.

Il primo si apre malissimo. La SPAL è più determinata e fa la partita. Castillejo spedisce sulla traversa da due metri ed è tutto quello che il primo tempo offre. Il secondo tempo vede un Milan più vivo, che trova il gol con una punizione di Suso e sfiora il 2-0 con Paquetà, ma ancora troppa sofferenza.

Il calendario ora dice Lazio, Juventus e Napoli. Il rischio è trovarsi in zona retrocessione ad inizio dicembre. Impensabile retrocedere. Come lo era nel 1983. Sono arrivati i 3 punti, ma bisogna iniziare a metterci la testa e, di testa, reagire. Serve lucidità, serve voglia, serve rabbia. Perché così non si va da nessuna parte. A parte che in B

Pagelle

Donnarumma 6: È quello che ci tiene di più e si vede. Sembra anche l’unico a dare sicurezza. Gigio come il nuovo stadio, sembra assurdo ci sia qualcuno a non volerlo. #Puntofermo

Duarte 6: Terzino bloccato dopo i disastri dei due titolari. Prende un giallo decisamente evitabile, ma poche sbavature. Meglio centrale che terzino. #Benecosì

Musacchio 6: Dietro è forse il migliore. Sicuramente il più sicuro e deciso. A volte troppo. Ma è la prova che l’esperienza serve. Esce a primo tempo per infortunio, a dimostrazione che fortuna sarà cieca, ma la sfiga… #Mancavasoloquesta

Romagnoli 5,5: Sempre meno in sicurezza. Un anno fa salvava Gattuso con un eurogol contro l’Udinese. Oggi quel tiro non lo proverebbe nemmeno lui. L’insicurezza sembra divorarlo. Le qualità le ha, ma serve tornare in fiducia. La cosa migliore la fa allontanando Calhanoglu quando Piccinini ha il rosso in mano. #Daisu

Theo 6: A Roma era sembrato l’unico a provarci. Meno brillante del solito, ma Kessie aiuta pochissimo in entrambe le fasi. Quando spinge, però, è un treno. #Ancoracosì

Paquetà 5,5: Indecifrabile. La qualità c’è, ma la timidezza pure. Un gol semimangiato gli vale il meno 0.5. Deve muoversi di più, deve alzare di più testa, deve entrare nel gioco di squadra. Può e deve farlo. #Benino

Bennacer 5,5: Torna titolare al posto di Biglia. Ci voleva poco a far meglio, ma il primo tempo è un continuo nascondersi e passaggi all’indietro. Non prova quasi mai la giocata. E se non provi non riesci. Come tutta la squadra. #Coraggiodai

Kessie 4,5: Uno dei peggiori a Roma, emblema di rassegnazione e superficialità. Ripete la stessa identica prestazione. Molle come Celentano ai tempi d’oro, errori a chili. Lo specchio dei problemi della squadra. Siccome lui non cambia, va cambiato. #Ilmolleggiato

Calhanoglu 6,5: Il più in forma di inizio stagione, o forse l’unico in forma assieme a Gigio e Theo. Vive forse la sua serata meno brillante, ma almeno si sbatte. E visti gli altri, è già qualcosa. #Chalasiglu

Piatek 6: Tornato a segnare con il Lecce, tornato in panchina con la Roma, tornato titolare con la SPAL, tornato a non segnare, tornerà mai quello dell’anno scorso? Però prende la punizione del gol che fa tutta la differenza del mondo. #Circleoflife

Castillejo 5,5: Rileva il più criticato di inizio stagione. Spedisce sulla traversa da pochi passi, ci prova, ma è spesso in fuorigioco. Serve più attenzione. #Ni

Calabria 6: Quando è tranquillo, è un altro giocatore rispetto a quelli degli erroracci fatti vedere in stagione. Bene anche quando spinge. #Daidavidino

Suso 7: Bocciato giustamente, dimostra che la qualità c’è ancora. Torna a segnare con un gioiellino, ma soprattutto torna a lottare. #Jesustornaacasa

Bonaventura SV: Torna a San Siro dopo un anno ed è un’ottima notizia. La sua esperienza sarà fondamentale

Pioli 6: Era chiamato a fare un miracolo, al momento i risultati sono un disastro. Il primo tempo è da incubo. Squadra che non dà il minimo segno di vita. Nel secondo tempo, meglio. Ma serve lavorare tanto sulla testa, ma i 3 punti aiutano #playandpray

Federico Rosa

Posted by Redazione Rossonera on

Milan-Spal, il focus sui nostri avversari della prossima giornata

Milan-Spal, il focus sui nostri avversari della prossima giornata

MILAN-SPAL – Dopo la sconfitta con la Roma il Milan si appresta ad affrontare quella che qualcuno ha ironicamente definito una sfida salvezza. Nell’attesa andiamo a conoscere meglio il nostro avversario.

Ultimo precedente

L’ultimo precedente tra Milan e Spal risale al 29 dicembre 2018 e terminò 2 a 1 per i rossoneri con gol di Castillejo e Higuain.

Precedenti famosi

Uno delle gare che i milanisti ricordano con maggior piacere è il Milan Spal del 21 gennaio 1968, con il Diavolo che andò sotto due volte e due volte rimontò vincendo la partita 3 a 2.

Ultime gare Spal

La Spal arriva allo scontro con tre punti in meno del Milan e senza aver mai vinto fuori casa in questo campionato, ma reduce da un buon pareggio contro il Napoli.

Ultime gare Milan

Il Milan arriva alla scontro dopo la sconfitta di Roma seguita al pari con il Lecce. I rossoneri hanno bisogno dei tre punti per allontanarsi dalle zone basse delle classifica.

Occhio a…

Andrea Petagna, grande ex della sfida e in gol l’ultima volta che le due squadre si sono incrociate.

Curiosità sugli avversari

La Spal è nata nel 1907 come circolo religioso-culturale, per poi diventare una società polisportiva  poco tempo dopo.Nel 1913 la parte sportiva si separò definitivamente dal circolo assumendo il nome di Società Polisportiva Ars et Labor, da qui l’acronimo Spal.

Nel 2019 la squadra è stata insignita del prestigioso Collare d’oro al merito sportivo, la più alta onorificenza elargita dal comitato olimpico nazionale italiano.

Allenatore avversario

Leonardo Semplici ha affrontato quattro volte il Milan ottenendo quattro sconfitte. Quattro sono anche gli incroci tra Semplici e Stefano Pioli, fintiti con due pareggi e due vittorie dell’attuale tecnico rossonero.

Storico arbitro con le due squadre

Ad arbitrare la sfida sarà Marco Piccinini. Per il fischietto di Forlì sarà l’esordio assoluto con il Milan mentre con la Spal ha un precedente, datato 28 settembre 2019. Juve Spal, finita 2 a 0 per i bianconeri. A coadiuvare Piccinini ci saranno gli assistenti Del Giovane e Tolfo, il quarto uomo Valeri, il var Chiffi e l’assistente Var Alassio.

Ex e doppi ex

Tra gli ex di questa sfida che molto probabilmente scenderanno in campo ricordiamo il già citato Petagna, che giocò nel Milan dal 2012 al 2014 con in mezzo un prestito alla Samp e dal 2018 tesserato con la Spal. Partirà invece quasi sicuramente dalla panchina Alberto Paloschi, cresciuto nelle giovanili del Milan e aggregato alla prima squadra nel 2007/2008 gioca nella Spal dal 2017.

In panchina ci saranno anche Salamon, la cui esperienza al Milan nel 2013 lascio poche tracce e tesserato da quest’anno con la Spal, e Mattia Valoti, che dopo le giovanili del Milan venne aggregato alla prima squadra dal 2011 al 2013 e dal 2018 gioca nella Spal.

Giulia Galliano Sacchetto

Posted by Redazione Rossonera on

Alessandro Orlandin (Dir. Lospallino.com) a Radio Rossonera: “Il Milan deve temere Petagna. Leao nei rossoneri il pericolo numero uno”

Alessandro Orlandin (Dir. Lospallino.com) a Radio Rossonera: “Il Milan deve temere Petagna. Leao nei rossoneri il pericolo numero uno”

ALESSANDRO ORLANDIN, MILAN-SPAL A poche ore dalla gara tra Milan e Spal, sfida valevole per la decima giornata di serie A, la redazione di Radio Rossonera ha contattato il direttore di lospallino.com, Alessandro Orlandin, per affrontare alcuni temi relativi al match che si giocherà stasera alle 20:45. Qui di seguito, l’intervista completa.

Come giudichi l’inizio di stagione della Spal e quali sono gli obiettivi stagionali?

“L’inizio di stagione della Spal è stato senza dubbio complicato, lo si sapeva lo sarebbe stato a causa della partenza di uomini chiave come Lazzari e Bonifazi nel mercato estivo e in parte per gli infortuni che hanno falcidiato la squadra perché ad agosto si è fatto male Fares, a settembre si è fatto male D’Alessandro, poi è arrivato l’infortunio di Di Francesco che è ancora da risolvere. Nei primi due casi si tratta di infortuni molto gravi che probabilmente vedranno i giocatori tornare ampiamente nell’anno nuovo e questo ha creato notevoli problemi per una squadra che si deve salvare, perché ha accorciato l’organico, ne ha diminuito la qualità e soprattutto non ha permesso di mettere in campo quelle che sono le qualità dell’organico così come era stato concepito in estate. Poi ci sono dei limiti strutturali che derivano dal mercato estivo, perché in estate probabilmente un paio di giocatori potevano arrivare, non sono arrivati perché il mercato in uscita è rimasto parzialmente bloccato, questo ha fatto sì che la Spal rimanesse un pochino incompleta e tutto questo ha reso l’inizio di stagione un po’ difficoltoso e ora la Spal si trova a rincorrere con una certa fatica”.

Cosa ne pensi del nuovo Milan di Pioli e quali suggerimenti daresti per far uscire dalla crisi la squadra rossonera?

“Il Milan di Pioli non mi sembra diversissimo da quello di Giampaolo per adesso, ma è inevitabile perché è passato troppo poco tempo da questo cambio e l’organico bene o male è quello che è. Il Milan ha problemi per quanto riguarda la rosa, ma anche per la personalità dei giocatori, una squadra un po’ incerta, un po’ timida e confusionaria, non saprei cosa suggerire a Pioli, credo che Pioli debba mettere solo un po’ d’ordine, mettere dei punti fissi, identificare un undici bene o male ad essere titolare e dare delle garanzie, e sperare in un po’ di fortuna perché i risultati in questo momento non arrivano, ma magari un paio di partite fortunate vinte in maniera un po’ sporca possono migliorare la classifica, l’umore, dare un po’ più di convinzione e di conseguenza alleviare la pressione sui giocatori che in questo momento mi sembra molto forte. Di sicuro non invidio Pioli, non vorrei essere nei suoi panni perché l’impresa mi sembra quanto meno complicata a maggior ragione se l’obiettivo è quello di rientrare in Europa o comunque conquistare una posizione di classifica di alto livello”.

Stasera Milan-Spal: quale giocatore dovrebbe temere di più il Milan e quale giocatore temi di più della squadra rossonera?

Se c’è un giocatore che il Milan deve temere è Petagna, ha già dimostrato di saper far male da ex, è una delle colonne portanti di questa squadra, è un giocatore che è cresciuto molto in termini di personalità, di qualità nelle scelte del suo gioco, ha acquisito maggiore freddezza in area di rigore; da non trascurare comunque Jasmin Kurtic, che ha fatto gol domenica contro il Napoli, è un leader nato, un giocatore molto temibile nel gioco aereo, è un altro elemento che può causare dei problemi alle squadre avversarie in qualunque circostanza. Dall’altra parte penso che il pericolo numero uno sia Leao, perché ho l’impressione che si tratti di un giocatore comunque dotato di un grande entusiasmo nonostante il brutto momento del Milan, è un giocatore imprevedibile, veloce, che vede la porta, che può tirar fuori una giocata vincente dal nulla e quindi penso che i problemi principali la Spal li avrà nel tentativo di limitarlo al minimo”.

Andrea Propato

Posted by Redazione Rossonera on

Tiziana Pikler (dir. LFootball) a Radio Rossonera “Che sorpresa questo Milan Femminile”

Tiziana Pikler (dir. LFootball) a Radio Rossonera “Che sorpresa questo Milan Femminile”

TIZIANA PIKLER A RADIO ROSSONERA – Il campionato femminile ripartirà questo fine settimana. Nell’attesa la nostra Lucia Pirola ha fatto quattro chiacchiere sulle ragazze del pallone con Tiziana Pikler, direttrice di L Football.

Iniziamo parlando di questa Serie A Femminile, iniziata da poco ma entrata già ampiamente nel vivo: quali squadre hai visto finora che ti sono piaciute e quali hanno lasciato a desiderare?

«Vedendo la classifica direi che ci sono poche sorprese, nel senso che il campionato se lo contenderanno quattro squadre, Juventus, Milan, Roma e Fiorentina. Rispetto allo scorso anno sicuramente stanno andando meglio Milan e Roma. La Roma perché è partita meglio rispetto allo scorso anno, quando aveva perso le prime tre gare. E il Milan perché i sta stupendo in termini di gioco. Credo che nessuno si aspettasse il Milan a punteggio pieno, vincendo già 3-0 all’esordio contro la Roma. La stessa Juve che è a punteggio pieno a livello di gioco fatica un po’ di più, però ha Cristiana Girelli che praticamente segna ad ogni partita e risolve qualunque tipo di situazione. La Fiorentina è quella forse più in affanno, sia per la sconfitta casalinga con la Roma sia per l’ultima gara con il Sassuolo, vinta in rimonta negli ultimi minuti».

Abbiamo visto infatti la Fiorentina un po’ più in difficoltà di quello che ci aspettavamo, così come l’Inter, che avrei dato più avanti dopo quattro partite e un calendario non impossibile, mentre ha dimostrato di avere delle grosse lacune. È una cosa comprensibile, perché neopromossa, o no?

«Ci sta perché credo che si paghi sempre un po’ lo scotto della prima esperienza nel massimo campionato. Però questo non è un male, aggiunge competitività nelle partite. Forse nel derby mi aspettavo qualcosina in più però l’emozione a volte gioca brutti scherzi».

 Dopotutto anche la Roma l’anno scorso era partita male…

«Sì esatto, al di là della sconfitta all’esordio la Roma ha fatto un salto di qualità enorme, le prime tre sconfitte dello scorso anno oggi sono un ricordo. E anche quelle comunque erano dettate dal poco tempo avuto per amalgamare insieme vecchie calciatrici e nuovi acquisti».

Quest’anno la Roma ha anche tante individualità, come Andressa, che si sono viste poco ma che potenzialmente possono mettere in difficoltà chiunque

«Sì, noi abbiamo seguito la Roma anche in ritiro a Norcia, e Andressa è veramente una fuoriclasse. Betty Bavagnoli dovrà trovare la quadra tra vecchie e nuove calciatrici e forse questa è la maggiore difficoltà».

Parliamo della Supercoppa, che ha visto la Juve trionfare sulla Fiorentina. Ce lo aspettavamo, però la viola sembra davvero un po’ in difficoltà quest’anno. che impressioni hai avuto da quella partita?

«Ho avuto l’impressione che Ohrstrom, il portiere viola, sia stata la migliore in campo, e che Girelli possa risolvere qualunque situazione. Forse la cosa che mi ha lasciata un po’ perplessa è stato il pubblico. C’erano solo 2500 spettatori che credo siano pochi per un movimento che vuole e deve crescere».

C’e da dire che si giocava in campo neutro (Cesena) e obiettivamente lontano dalle città delle due squadre. Però, dopo il buon successo dei mondiali fa comunque riflettere…

«Assolutamente, mi viene in mente Roma-Milan di inizio campionato, quando a partita iniziata da 15 minuti e fuori c’erano ancora centinaia di persone che aspettavano di entrare, per farle stare tutte hanno dovuto aprire un settore che all’inizio avevano tenuto chiuso. In generale credo che sia necessaria più promozione per eventi tipo la Supercoppa, si potrebbe organizzare più pullman e cercare di coinvolgere più fan club possibili».

Dove pubblico, invece, non è mancato è stato nel derby di Milano, vinto dal Milan che, dopo la pausa, avrà Fiorentina e Juventus. Due gare importanti: che idea ti sei fatta di questo Milan e come lo vedi nell’immediato futuro?

«Come detto prima il Milan mi ha un po’ sorpresa. Se ne era parlato molto in estate, per i pochi acquisti, per il cambio allenatore… Ma alla fine sono state prese calciatrice nei ruoli chiave, secondo società e tecnici, e queste scelte stanno portando risultati. Queste due sfide saranno la prova del nove per capire le potenzialità di questa squadra: se esce a punteggio pieno da entrambe allora la cosa si fa davvero interessante. In particolare quella di domenica con la Fiorentina sarà fondamentale perché se il Milan vince arriverà alla gara con la Juve carico a mille. Io sono molto fiduciosa e molto attenta al Milan».

È molto importante l’aspetto della situazione difficile in cui il Milan ha avviato il campionato quest’anno, che però adesso si sta risolvendo da sola. A questo proposito mi viene in mente un parallelismo con lo scorso anno: anche allora il Milan fece un girone di andata strepitoso e un pessimo girone di ritorno dove ci fu un crollo mentale evidente. Quest’anno sarà diverso?

«Penso proprio di sì. Credo che in questo frangente si possa fare lo stesso discorso fatto per l’Inter poco fa: al Milan l’anno scorso mancava un po’ di esperienza nelle fasi cruciali della stagione. Un po’ mister Ganz, un po’ l’esperienza delle ragazze ai mondiali e i nuovi innesti siano serviti, e il Milan non farà gli stessi errori. Non credo proprio che il Milan avrà un crollo nella Seconda parte di stagione».

Photo Credits: AcMilan.com

Lucia Pirola

it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian