Bierhoff: “Ho dei dubbi su Ibrahimovic! Non può essere solo una guida”

DiDavide Giovanzana

Feb 25, 2022

L’ex bomber tedesco e campione d’Italia col Milan Oliver Bierhoff ha parlato dei rossoneri di Stefano Pioli alla Gazzetta dello Sport.

Quest’anno il Milan ha due nove: Giroud, preso come riserva di Ibrahimovic, adesso ha avuto un impatto importante sull’andamento della squadra. Si aspettava avesse successo in Italia?
“Sì, perché è un giocatore con grande esperienza, con qualità in area, si sa muovere, segna. Il calcio italiano lo aiuta: è più tattico e più organizzato ma meno veloce rispetto a Inghilterra o Francia dove ci vuole più freschezza fisica, più velocità. Anche io ne ho approfittato, lo ammetto: sono convinto che non avrei fatto altrettanto bene in Inghilterra o in Germania. Si sviluppano altri spazi, altri movimenti. Il vostro calcio ama il sistema, chiamiamolo così, e da tradizione si apprezza la punta centrale. Si sapeva e si sa ancora come metterla bene in azione.”

Prima della sfida di Coppa Italia, i due gol del francese nel derby di campionato hanno riaperto il torneo. Sensazioni?
“E’ stato un segnale. Poi segnare in un derby è bellissimo, ha risvegliato questa lotta ora molto incerta per lo scudetto.”

Avere due senatori come Ibra e Giroud in attacco era una scommessa: il suo amico Maldini l’ha vinta?
“Sì, complimenti alla sua scelta. Sono contento per Paolo che il Milan stia andando bene. I tempi sono cambiati: quando giocavo io c’era il titolare o la riserva, ruoli quasi fissi. Adesso invece con tutti gli impegni e le partite c’è spazio per tutti.”

-Leggi QUI anche: “Milan-Udinese: la colonna dei rossoneri punta a riscattarsi”-

Funziona sempre, con le nuove generazioni di calciatori iper assistiti, il ruolo di grande vecchio dello spogliatoio tipo Ibra?
“Sì, i rapporti sono diversi, ma più dell’età serve personalità per dare qualcosa al gruppo. Non si trovano facilmente giocatori che hanno l’esperienza o forse anche la qualità di guidare una squadra. Oggi i ragazzi son più individuali, stanno ognuno per sé, per questo i tipi che riuniscono il gruppo e lo portano in una certa direzione sono importanti. Però non funziona se sei vecchio e non dai certe prestazioni, ma cerchi soltanto di difendere il tuo territorio o di rivendicare diritti.

Quali devono essere le caratteristiche che non fanno sembrare troppo stagionato un attaccante in là con l’età?
“Muoversi negli spazi, avere sempre lo sguardo per il gol e una forza fisica negli spazi brevi più che in quelli lunghi. All’Europeo osservavo Ronaldo: non ha corso tantissimo, ma sapeva quando doveva andare e quando andava era sempre in zona gol. E’ questa la forza di un giocatore con esperienza: sapere quando può o deve osare. Dare efficienza quando si muove.”

Ha un ricordo particolare del derby di Milano?
“Quando ho segnato nel 2001 finì 2-2. Però del derby non ti ricordi di più il risultato, ma l’ambiente. Era tutto bellissimo, il casino dello stadio, la tensione precedente. Questo mi rimane per sempre.”

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

photocredits: acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tutti convocati

Radio rossonera live

torna al live

La radio 24/7 dedicata al Milan