Biasin: “Inter su Samardzic! Milan, ora che hai molti quattrini…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Qual è la differenza tra il calciomercato del Milan e quello dell’Inter? Il punto della situazione di Fabrizio Biasin

Il calciomercato di Milan e Inter sta seguendo in questo momento due strade molto, molto diverse: da una parte ci sono i rossoneri, lanciatissimi sul centrocampo (e non solo) dopo la cessione di Sandro Tonali, dall’altra i nerazzurri che dopo aver “soffiato” Marcus Thuram ai cugini stanno attendendo alcune cessioni importanti per cominciare a lavorare sui nuovi arrivi. Degli obiettivi di calciomercato di Milan e Inter ha parlato il giornalista Fabrizio Biasin, in un editoriale sul portale web dell’emittente Sportitalia.

Il calciomercato dell’Inter, tra le cessioni e altri derby col Milan in vista

In quanto argomento di sua competenza, Fabrizio Biasin si è concentrato nel suo editoriale sul calciomercato dell’Inter, un calciomercato che sembra avere molte difficoltà a prendere il volo. Le cessioni più probabili si conoscono, così come si conoscono gli obiettivi dei nerazzurri da Lukaku a Frattesi, passando per la nuova idea Samardzic.

Sull’addio di Brozovic all’Inter e sulla rincorsa a Lukaku

“Alla fine Brozovic ha salutato, ha scelto il grano dei sauditi e buon per lui che baratta la carriera per la serenità economica eterna. Son scelte, in fondo non è mica facile dire no a cento cocuzze. Dopodiché resta lo “spreco di calcio”, quello di un 30enne in piena salute che va a giocare in un non-campionato, con tutto il rispetto. Qualcuno dice “l’Inter l’ha regalato” e in effetti 18 milioni non sono granché, soprattutto se ti sei dovuto arrendere all’offerta al ribasso dei sauditi. Ma in certi casi tocca tapparsi il naso, soprattutto se l’incasso ti permetterà di portare avanti il tuo piano mercato. L’Inter vuol chiudere più rapidamente possibile la questione Lukaku, ma sa che il pallino è nelle mani del Chelsea, legitimo proprietario del cartellino. Si proporrà un prestito con obbligo a, boh, 30 milioni, che sono pochi in proporzione all’antica spesa dei Blues, ma molti se il giovanotto manterrà la sua posizione (“o Inter o nulla”). Vedremo”.

Biasin sulla possibile cessione di Onana, dall’Inter al Manchester United

“Quel che è certo è che resta in piedi l’opzione “cessione Onana”, non proprio una bella prospettiva se si pensa che un altro regista, quello del centrocampo, è appena partito. Ecco, se per il croato l’Inter ha scelto di rinunciare a qualche milioncino per accelerare l’incasso, in questo caso non può e non deve calare le braghe. Cinquanta milioni più bonus sono una cifra per cui sarebbe difficile dire di no, viceversa arrivederci Manchester United, ci si rivede. C’è chi parla di possibile offerta degli stessi sauditi dell’Al Nassr allo stesso Onana: ecco, in questo caso la signoria vostra è invitata a raddoppiare la richiesta, che diamine.  Perdere Onana sarebbe molto grave, non perché sia il portiere più forte dell’universo, ma perché si tratta del portiere-regista più capace che c’è. Nel calcio moderno, questa roba qui, è assai rara”.

Il nuovo obiettivo dell’Inter per un altro derby di calciomercato col Milan: Lazar Samardzic

“Ah, interessa assai anche Samardzic dell’Udinese. Qualcuno dice sia alternativo al carissimo Frattesi, altri complementare. Diciamo che vederli entrambi in nerazzurro sarebbe più che sorprendente. Ultimissime: il giovane Bisseck sarà ufficialmente un difensore a disposizione di Inzaghi, mentre per Carlos Augusto (preferito dello stesso mister come alternativa capace di saltare l’uomo sugli esterni), tocca prima capire se si riuscirà a vendere Gosens. Insomma, c’è ancora parecchia roba da fare”.

Il calciomercato del Milan dopo l’addio di Sandro Tonali

C’è spazio anche per il calciomercato del Milan oltre a quello dell’Inter nell’editoriale di Fabrizio Biasin per Sportitalia.

Biasin sull’addio di Sandro Tonali e sugli obiettivi di calciomercato del Milan, da Pulisic a Chukwueze

“Tonali si è presentato al Newcastle. Dice “L’auspicio è che non sia un addio”. E vabbè, l’amarezza resta, ma è soprattutto quella dei tifosi che non si immaginavano un epilogo del genere. Il giocatore finisce nel campionato più bello del mondo e, quantomeno, non fa la fine di Brozovic (ricco ma in un calcio senza appeal), il Milan incassa bene e ora deve dimostrare di avere un piano preciso. I rossoneri, per intenderci, sono tra i pochi che hanno davvero molti quattrini da investire e tra i pochissimi in Serie A a potersi permettere un mercato in leggero passivo. L’importante è non farsi prendere per il collo. Pulisic sarebbe certamente un bel colpo, ma i 25 milioni richiesti sono senza senso (opinione personale). L’impronunciabile Chukwueze, invece, sarebbe perfetto per la corsia di destra, ma anche in questo caso la richiesta (30 milioni) appare esagerata. Son tutti matti”.

ARTICOLI CORRELATI, NOTIZIE MILAN E NEWS MILAN

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!
Iscriviti al nostro canale Youtube per non perderti tutte le nostre dirette e i contenuti esclusivi!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

calciomercato milan inter biasin

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate