Bartesaghi: “Sogno un trofeo al Milan! Ecco cosa mi lega a Rodrygo”

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

A tutto Bartesaghi: il sogno fin da piccolo con il Milan, il decisivo tifo del padre e la curiosità sul rapporto con Rodrygo

Davide Bartesaghi è uno dei piccoli talenti saliti dalla Primavera del Milan, il terzino si racconta: dall’esordio alla particolare condivisione con Rodrygo. Bartesaghi ha esordito contro il Verona ed ora punta a trovare sempre più spazio. Tutta la sua ambizione a calciomercato.com. 

BARTESAGHI: “NON PUNTA IL DITO, SPIEGA! PIOLI E IL RAPPORTO CON THEO”

Il tifo del padre e il sogno con la maglia del Milan

È vero che da piccolo hai detto no all’Atalanta per il Milan per “colpa” di tuo papà che tifa rossonero?

“No va detto che prima del Milan sono stato due anni all’Atalanta, semplicemente quando c’è stata la possibilità di scegliere ho fatto una scelta mia, di principio perché mi sono trovato meglio dopo il provino svolto al Milan. Il tifo di mio papà non c’entrava”.

Qual è l’obiettivo o un sogno nel cassetto che poni davanti a te?

“Direi che il mio sogno più grande ora è alzare un trofeo con il Milan. Direi che voglio provare a vincere scudetto e Champions. Con l’Italia il sogno è trovare la convocazione con la Nazionale maggiore”.

Se ti dicessi scegli un solo momento, il più emozionante che hai vissuto nell’ultimo anno e mezzo. Quale sceglieresti?

“Sicuramente l’esordio di cui parlavamo prima. Però mi piace tornare a un passo indietro. Il momento più emozionante è stata la prima chiamata che ho ricevuto per il ritiro in prima squadra. Però calma, non sono ancora arrivato dove vorrei arrivare”.

TOMORI: “HO UN GRANDE RIMPIANTO, PIOLI MI CHIEDE…”

Bartesaghi-Rodrygo

Chi è il compagno di Under 19 con cui hai legato di più?

“Sicuramente mi trovo molto bene con Zeroli che è il mio compagno di squadra al Milan. Poi c’è Ripani che è un personaggio unico”.

Hai lo stesso procuratore di Rodrygo, l’hai mai incontrato?

“Sì, Rodrygo l’ho conosciuto in tournée americana grazia al mio procuratore che ci ha presentati. A fine partita ci siamo scambiata la maglia e ci siamo detti due battute. La speranza un giorno è di affrontarlo in campo, vorrebbe dire che sono arrivato al top”.

Ti senti un leader dell’under 19? Data l’esperienza in prima squadra che stai avendo con il Milan e che in pochi altri hanno…

“Sinceramente non mi sento ancora un leader perché alla fine sono entrato in Nazionale non da tanto. Certo quello che sto apprendendo al Milan, l’esperienza internazionale, la Serie A, potrebbero aiutarmi a diventarlo in fretta”.

ROMANO: “DAVID AL MILAN? OTTIME CHANCE, MA AD UNA CONDIZIONE”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate