Baresi: “Sandro è Sandro! Ecco perché Tonali incarna il milanismo”

DiDavide Giovanzana

Mag 10, 2022

Intervistato da Repubblica, Franco Baresi ha parlato di Sandro Tonali e di come incarni perfettamente il milanismo.

Baresi, lei che ha 40 anni esatti in più del suo “nipotino” Sandro ha festeggiato con lui?
«Non l’ho sentito a voce, però gli ho mandato gli auguri per il nostro compleanno, che in fondo sono anche auguri per il Milan».

La storia di Tonali può diventare come la sua e quella di Rivera e Paolo Maldini, capitani e simboli?
«Sandro ha certamente dimostrato un grande senso di appartenenza e lo sta confermando partita dopo partita, al di là del futuro, che non si può mai prevedere» .

Pensa che certi paragoni siano ancora troppo impegnativi?
«No, penso semplicemente che lui sia un ragazzo umile e che sappia di essere nella prima fase di un percorso. Ma è partito veramente bene, dopo qualche fatica».

Nel famoso Rio Ave-Milan, la qualificazione di Europa League da cui è cominciata la formidabile scalata della squadra, Tonali era una riserva.
«Ripeto, dopo qualche fatica nella prima stagione, ha voluto rimanere. Ha dimostrato l’attaccamento, ha avuto determinazione, voglia di mettersi in discussione, coraggio. E a poco a poco è entrato nel cuore della squadra, fino a incarnare pienamente lo spirito milanista».

Che cos’è lo spirito milanista?
«È l’insieme delle qualità di calciatore e caratteriali che gli hanno permesso di meritare elogi che sta ricevendo, attraverso le sue prestazioni sul campo e la capacità di farsi volere bene dai compagni e dalla gente».

Accettando ad esempio di abbassarsi lo stipendio, invece di fuggire?
«Il destino lo ha voluto premiare: quella di Verona è stata una serata davvero molto importante per lui e per la stagione della squadra».

Gli vuole consigliare di non andarsene mai, come ha fatto lei?
«La questione non si pone. Deve essere sereno e contento di se stesso e sapere che può crescere con il Milan e per il Milan. Quanto ci tenesse a giocare con questa maglia, del resto, lo ha sempre dimostrato fin da bambino».

Gattuso, Pirlo, De Rossi, Tardelli, Gerrard: gli accostamenti si sprecano.
«Per me Tonali è Tonali, un calciatore moderno. Riesce a fare con disinvoltura e con personalità il centrocampista basso e la mezzala, ha attitudine all’inserimento e sta imparando a giocare in più posizioni del centrocampo».

Qual è il ruolo più appropriato?
«È difficile fare paragoni col passato. L’essenziale è che resti umile ed equilibrato. Deve pensare a se stesso e alle sue qualità. Lui lo sa, è giovane e può crescere tanto».

Fino a diventare un cardine della Nazionale?
«Riuscire a imporsi nel Milan vuole dire poterlo fare automaticamente anche nell’Italia».

La sua doppietta al Verona, dopo il gol alla Lazio, ha scritto il 19° scudetto del Milan?
«Calma, mancano due partite, anche se le vittorie in trasferta con Lazio e Verona sono state un segnale forte. Diciamo però che è tutto nelle nostre mani. E che questa condizione ce la siamo meritata».

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tutti convocati

Radio rossonera live

torna al live

La radio 24/7 dedicata al Milan