Ausilio: “Questo non è il reale obiettivo del Milan: qualcuno si nasconde”

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

Il ds dell’Inter, Piero Ausilio, mette in evidenza la trasparenza della sua squadra: il Milan e altre squadre mentono sugli obiettivi

Una frecciatina non troppo velata quella di Piero Ausilio ai danni del Milan e di altri club di spicco della Serie A: l’Inter invece si espone. La società che si nasconde di più è sicuramente la Juventus, Allegri spesso dichiara di guardare al distacco dal 5 posto, quando palesemente è in lotta per lo scudetto. Questo fatto non va giù ad Ausilio, inoltre il ds nerazzurro denuncia poca chiarezza sugli obiettivi delle rivali: Milan in primis. Oggi Ausilio è stato premiato a Vibo Valentia con il premio sportivo “Fortunato De Agazio”, intitolato allo storico dirigente dell’Inter di Angelo Moratti. Le sue dichiarazioni a Sky Sport.

“CONTE-MILAN: DIPENDE DA… CARDINALE!”: IL DETTAGLIO DEL GIORNALISTA

Cuadrado: “Dovrà subire un intervento chirurgico come riportano i colleghi di Sky – ha provato questi mesi a soffrire, ma questo problema non gli ha permesso di esprimersi per quelle che sono le sue qualità. Dopo l’ultimo consulto medico si è deciso di intervenire nella prossima settimana”.

Cosa farà adesso l’Inter?
“Domani raggiungerò sia il mister che Marotta a Roma e dopo la partita con la Lazio ci concentreremo anche su come intervenire. Se non ci fosse stato questo problema di Cuadrado legato all’infortunio, non saremmo intervenuti sul mercato. Ad andare a toccare ciò che funziona, spesso si fanno solo danni”.

Le ambizioni dell’Inter?
“Abbiamo una squadra forte e completa in tutti i reparti. Lo stiamo dimostrando ampiamente in campionato e in Champions League con una qualificazione avvenuta con due giornate d’anticipo. Questo ci ha permesso di giocare le ultime due partite con serenità, riuscendo a preparare contemporaneamente al meglio il campionato”.

Possibile intervenire in attacco?
“Abbiamo 4 giocatori importanti e siamo contenti per come stanno rendendo. Non dimentichiamoci che abbiamo in rosa un attaccante fortissimo che negli ultimi anni è stato utilizzato come centrocampista, ovvero Mkhitaryan. All’occorrenza c’è anche lui come quinto”.

Qualcuno si nasconde

Se dicessimo che giochiamo per arrivare quarti non saremmo onesti, l’Inter ha la qualità per parlare di Scudetto come obiettivo. Alcuni si nascondono un po’ di più rispetto a quello che facciamo noi. Juve, Milan e Napoli non partivano con l’obiettivo di entrare tra le prime quattro.  Noi non ci siamo mai nascosti, non abbiamo interesse a dichiararlo ogni settimana: sappiamo che è l’obiettivo che abbiamo in testa, cercheremo di fare di tutto perché questo possa avvenire. Se non avverrà, stringeremo la mano a chi è stato più bravo e inizieremo a preparare la stagione successiva con lo stesso obiettivo. Perché l’Inter inizia ogni stagione per vincere”.

DOMANI POCO AMICI, È LA PRIMA VOLTA!”: NESTA E PIRLO SI SFIDANO

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate