Aubameyang: “Milan? Ricordo un aneddoto con Ancelotti e Ronaldo…”

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Mercoledì, alle ore 21:00, il Milan è atteso dalla difficilissima sfida di Stamford Bridge con il Chelsea. I rossoneri arrivano all’incontro di Champions League con l’entusiasmo del successo allo scadere di Empoli. La condizione fisica, però, non è ottimale. Pioli, infatti, sarà costretto a rimaneggiare fortemente la rosa per sopperire ai tantissimi infortuni. Il Chelsea arriva con lo stesso entusiasmo, a causa della vittoria, anch’essa nel finale, contro il Crystal Palace, la prima con Potter in panchina. Nella rosa dei blues c’è un calciatore in particolare per cui questa sfida vuol dire molto: Pierre-Emerick Aubameyang. L’attaccante del Gabon, recentemente acquistato dal Chelsea, è il grande ex della sfida, dopo aver militato tra le fila dei rossoneri tra il 2007 e il 2008. Proprio riguardo il suo passato al Milan, Aubameyang ha raccontato un curioso aneddoto su Ronaldo ai microfoni del tabloid britannico The Sun.

– Leggi QUI le parole di Rocchi sulla controversa rimessa laterale di Tonali in Empoli Milan –

Le parole: “La squadra era molto forte, a dire il vero. Ronaldo, Paolo Maldini, Alessandro Nesta… all’epoca ero molto giovane. Cercavo solo di migliorare e di guardare a lui per imparare il più possibile. A dire il vero, allora era un po’ ingrassato! Ma era ancora il migliore. Ricorderò sempre quando Carlo Ancelotti lo rimproverò per la sua forma fisica e allora Ronnie gli disse: “Cosa vuoi che faccia, che corra o che faccia gol?”. Ancelotti rispose: “Fai gol”, e la volta successiva Ronaldo segnò due volte! Questo fa parte del carattere e come attaccante ne hai bisogno perché devi essere forte mentalmente

 

Segui la nostra pagina Facebook per sapere tutto quello che succede nel mondo Milan!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate