Retroscena Conte-Napoli, ecco perché ha rifiutato un triennale da 28 milioni

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Antonio Conte avrebbe rifiutato un triennale da 28 milioni di euro offertogli dal Napoli: il motivo non è di natura economica

Nelle ultime ore è arrivato un retroscena importante da Napoli su Antonio Conte, importante perché permette di capire che tipo di richieste, almeno a livello economico, potrebbe avere l’ex CT. Secondo quanto riportato da Calciomercato .it, Antonio Conte avrebbe rifiutato una proposta molto importante dal Napoli di De Laurentiis, non per l’ingaggio ma per la modalità del contratto in sé.

Maxi-offerta… rifiutata

La notizia arriva dagli ambienti vicini al Napoli: Aurelio De Laurentiis aveva offerto ad Antonio Conte un triennale da 28 milioni di euro nel complesso, una cifra molto alta e che si avvicina agli ingaggi percepiti nelle ultime esperienze da mister. Il modo in cui però questo contratto è stato proposto e composto dal presidente degli azzurri non è piaciuto molto all’ex allenatore di Juventus e Inter. Il contratto sarebbe stato di 4 milioni di euro per la stagione in corso, nella quale Conte sarebbe entrato in corsa, e di 8 milioni a stagione per le prossime tre fino a giugno 2027.

Il triennale da 8 milioni a stagione, continua la fonte, sarebbe diventato però effettivo solamente al termine di questa stagione e a seguito di un incontro per concordare obiettivi sul campo e di calciomercato programmato proprio per l’estate. Per questo motivo, Conte ha preferito declinare la proposta del Napoli. La sua richiesta era quella di un contratto continuativo, non come quello propostogli da De Laurentiis.

Il futuro di Antonio Conte

Per la stessa fonte, il candidato numero uno per sedersi sulla panchina degli azzurri è al momento Francesco Farioli, “allievo” di De Zerbi che sta facendo molto bene al Nizza (4o a 40 punti dopo 23 giornate e in piena corsa Champions League.

Per quanto riguarda invece il futuro di Antonio Conte, il suo nome ha cominciato da qualche settimana a questa parte a rimbalzare negli uffici di diversi top club europei, dal Milan alla Juventus passando per il Bayern Monaco (che a fine anno saluterà Thomas Tuchel). Al momento, però, i tempi non sembrano ancora maturi per capire su quale panchina tornerà l’ex CT della Nazionale Italiana.

Ultime news

Notizie correlate