Milan-Spezia – 3-4-3 fluido fatto di possesso: che avversario ci aspetta?

0 cuori rossoneri

Milan-Spezia – Reduce dalla sfida di coppa Italia con il Genoa, il Milan si rituffa nel campionato affrontando un’altra ligure. Stavolta tocca allo Spezia di Thiago Motta, tecnico finito sulla graticola e a rischio esonero nelle ultime settimane nonostante un campionato in linea con il valore della rosa ma, forse, non con le aspettative della società.

Probabilmente i successi consecutivi in apertura di 2022 (vittorie contro Napoli e Genoa) anche se intervallati dalla caduta interna contro il Verona, hanno almeno per ora allontanato le nubi dalla testa dell’ex centrocampista dell’Inter.

Dal punto di vista tattico la squadra che il Milan si troverà ad affrontare è compagine che era partita con la volontà di proporre un certo tipo di calcio (3-4-3 fluido, fatto di possesso) ma che ha poi ripiegato verso un atteggiamento più reattivo, volto alla chiusura degli spazi agli avversari per cercare poi di risalire velocemente il campo sfruttando la velocità dei riferimenti più avanzati.

Non a caso l’indice PPDA degli aquilotti è altino, a 14.71. Meglio solo di Venezia, Udinese e Salernitana. A cambiare è stato anche lo schieramento base con l’utilizzo, oltre a quella a tre, di difese con quattro o cinque giocatori, in funzione dell’avversario.

Il posizionamento medio dei giocatori di Motta nella trasferta di Marassi contro il Genoa

Interessante è stata anche la disposizione in campo di alcuni elementi, chiamati a svolgere funzioni diverse da quelle alle quali erano abituati. Così ad esempio, per penuria di centrocampisti centrali (per varie cause) Motta ha via via impiegato in mezzo al campo elementi quali l’ex sampdoriano Jacopo Sala o Simone Bastoni (esterni difensivi) o (nell’ultima sfida di campionato) il difensore Jakub Kiwior.

Proprio Bastoni si segnala in generale come uno dei migliori passatori della squadra, avendo il primato fra i giocatori in rosa in quanto a passaggi chiave (82, diciassettesimo dato della massima serie) e a passaggi che mandano al tiro un compagno (27)

Lo Spezia resta comunque compagine che crea poco (22.06 xG, quartultimo dato del torneo) e concede molto: il dato degli expected goals against (xGA) secondo il modello soccerment parla di 38.95 gol attesi contro. Solo l’Empoli ha fatto peggio (41.11).

photocredits twitter.com/acspezia

Dalla categoria Analisi tattica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live