Ambrosini e il “Dream Team” Milan: “Dai biliardi di Milanello, mi piacerebbe lui”

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

Ospite al podcast di Chiamarsi Bomber, Massimo Ambrosini ha rivelato a chi farebbe allenare il suo vecchio Milan contro il Manchester City di oggi

Come si comporterebbe il Milan delle vecchie glorie contro le potenze calcistiche di oggi? Ospite al podcast di Chiamarsi Bomber, Massimo Ambrosini ha rivelato a chi farebbe allenare un “Dream Team” Milan contro il Manchester City attuale.

Le parole di Ambrosini

Alla domanda se nel calcio di oggi super atletico, il suo Milan reggerebbe il confronto con il Manchester City, l’ex centrocampista risponde: “Hai detto bene, il calcio è cambiato. La richiesta adesso è differente, ma ciò non vuol dire che i calciatori di 15 anni fa non sarebbero stati in grado di recepire i concetti che vengono passati ora, quindi sarebbe bello provare”. Successivamente, viene indicato Pep Guardiola come allenatore di questo Dream Team.

Tuttavia, il tecnico catalano sarebbe seduto sulla panchina avversaria, quindi Ambrosini si trova costretto a cambiare nome: “Roby De Zerbi è uno di quelli che frequentavano con me Milanello. Il primo anno lui era in Primavera e ci vedevamo ai biliardi di Milanello. E’ uno degli esponenti maggiori di questo cambiamento del calcio e che ha avuto una grande crescita, quindi mi piacerebbe farmi allenare da lui e farmi insegnare qualcosa”.

Ultime news

Notizie correlate