il 10/10/2023 alle 14:11

Albertosi: “Occhio, rivedo il mio Milan! Anche se il leader Ibra…”

0 cuori rossoneri

Albertosi si fida dello spirito Milan: è lo stesso della prima stella? L’ex ripercorre il passato guardando al presente

In un focus nell’edizione di oggi, la Gazzetta dello Sport ha intervistato diversi ex calciatori del Milan per la fatidica domanda “scudetto”: insieme a Costacurta, Capello, Crespo e Tassotti ha risposto anche Enrico Albertosi. L’ex portiere del Milan dal 1974 al 1980 ha vinto in maglia rossonera il decimo Scudetto della storia, e ai microfoni della rosea ha provato a spiegare come mai associa quel suo gruppo della prima stella a questo di Stefano Pioli, che punta alla seconda. Non solo, però. Albertosi si tiene comunque qualche dubbio per quel che riguarda la perdita della leadership di un calciatore come Zlatan Ibrahimovic, al centro di nuovi discorsi ma al momento non accanto alla squadra.

albertosi milan

CAGLIARI-MILAN, ALBERTOSI: “MAIGNAN TOP, MA NON È IL MIGLIORE!”

Si punta alla seconda… come con la prima?

Vincitore anche di una Coppa Italia con il Milan, oltre che di uno storico Europeo con l’Italia, Albertosi è rimasto nella storia rossonera soprattutto per quella prima stella conquistata nel 1978/79. E non è un segreto che, così come l’Inter, anche il club di RedBird sta lottando per il bis in questa stagione. Per l’ex portiere, lo spirito di gruppo è simile a quello che vede oggi:

“Sul piano del gioco preferivo il Milan dello scudetto. E allora c’era Ibra: la sua leadership non è replicabile, e Zlatan nella prima parte di campionato aveva anche dato il suo contributo segnando gol pesanti. Guardando il Milan di oggi, comunque, ho la sensazione che il club si sia mosso bene sul mercato, acquistando giocatori molto forti come Pulisic e Loftus-Cheek. In questo Milan rivedo lo spirito di gruppo del mio che vinse lo scudetto della stella. E se si gioca uno per tutti si può andare lontano, anche stavolta…”.

DA TASSOTTI A GALLI, GLI EX MILAN IN CORO: “PIOLI, SEI DA SCUDETTO!”

Il confronto con Tassotti

Interessante scoprire come diversi ex della storia, ancora oggi si appassionino al Milan di questi anni, lo stesso che due annate fa vinceva il 19esimo Scudetto e che l’anno scorso tornava tra le più importanti squadre d’Europa. La visione di Albertosi in merito al confronto tra questo gruppo e quello del campionato vinto nel 2022, comunque, è differente (“Sul piano del gioco preferivo il Milan dello scudetto…”) rispetto a quella di Mauro Tassotti, che invece crede che la squadra vista in queste prime 8 giornate sia ancor più imprevedibile.

“Il Milan ora ha più soluzioni, una rosa ricca di giocatori di qualità, che possono occupare posizioni diverse: Pioli può utilizzare più moduli e la squadra risulta più imprevedibile di quella dello scudetto 2022. Il punto di forza è la capacità di creare sugli esterni, in attacco, con gente come Pulisic, Okafor e Chukwueze, e anche a centrocampo: quando si allargano, Reijnders e Musah sono un pericolo per le difese. Il nodo resta il centravanti: manca un vero vice Giroud, ma Jovic in buone condizione sarà un’alternativa valida”.

TASSOTTI: “MILAN, COSÌ SEI PIU’ IMPREVEDIBILE DEL 2022!”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

albertosi milan

NOTIZIE MILAN