Adani: “Milan, i quarti oltre le aspettative! Thiaw simbolo, occhio a speculare…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Lele Adani ha parlato del grande percorso (finora) delle italiane in Europa: «Un risultato comune eccellente, anche se vanno fatti poi dei distinguo. Innanzitutto perché per Milan e Inter la qualificazione è ancora in bilico. E poi ognuna delle tre squadre ha una storia diversa dalle altre e anche una prospettiva differente».

Adani, cominciamo allora dal Milan.
«Aveva la sfida più difficile, per valore dell’avversario e momento in cui si è giocato. I rossoneri arrivavano sì dalla vittoria sofferta col Torino, ma anche da un periodo negativo precedente e dovevano, proprio nell’andata con il Tottenham, trovare certezze nel nuovo modulo. La vittoria per 1-0 era la meno pronosticabile, ma certifica la bontà del lavoro fatto da Pioli sia a livello tattico che mentale».

Cosa devono fare le nostre per passare al ritorno?
«L’Eintracht non avrà Kolo Muani e il Napoli è nettamente superiore: lecito non attendersi sorprese. Milan e Inter, invece, non devono fare l’errore di speculare sul vantaggio dell’andata. Devono andare a Londra e a Oporto con l’idea di fare gol a tutti i costi e non guardare il cronometro».

ULTIME NOTIZIE MILAN – (FOTO) INCREDIBILE FIORENTINA: L’ARBITRO ASSEGNA IL GOL CON LA GOAL LINE TECNHOLOGY, IL VAR… LO TOGLIE!

ULTIME NOTIZIE MILAN – (ESCLUSIVA) PELLEGATTI: “MAIGNAN TITOLARE CONTRO L’ATALANTA? SI PUO’ FARE!”

Chi ha il compito più difficile?
«Ancora il Milan, perché mi aspetto un Tottenham diverso dall’andata».

Scegliamo un giocatore simbolo dell’andata per ognuna.
«Per il Milan dico Thiaw, che è la grande novità in difesa. Per il Napoli sarebbe facile dire Osimhen e allora faccio il nome di Lobotka, che ha sporcato ogni pallone avversario. Nell’Inter ovviamente Lukaku, per come è arrivato alla sfida e per come ha risposto, con il gol e non solo».

Adani, fissiamo un orizzonte per Milan, Inter e Napoli?
«Il Milan è ancora in una fase acerba del progetto, già arrivare ai quarti sarebbe un successo oltre le aspettative. L’Inter è squadra, invece, matura e l’ha fatto vedere con il Barça in questa stagione e pure col Liverpool lo scorso anno. Essere tra le prime otto per i nerazzurri è un dovere. Discorso a parte merita il Napoli, che grazie al lavoro di Spalletti ha avuto una crescita difficilmente immaginabile mesi fa. Oggi, se facciamo la somma tra il valore messo in campo dai giocatori e le prestazioni del collettivo, gli azzurri possono ambire a finire tra le prime quattro d’Europa».

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

adani milan

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate