Adani alla GdS: “Tonali deve fare il Kessié, Theo deve ritornare una costante”

DiDavide Giovanzana

Gen 6, 2022

Adani alla GdS: “Tonali deve fare il Kessié, Theo deve ritornare una costante”

La Gazzetta dello Sport ha chiesto a Lele Adani di inquadrare la partita di oggi tra tattica, assenze, aspettative e l’importanza del match.

Chi è mancato di più ai due allenatori, Pioli e Mourinho?
Entrambi, ma in modo diverso. Il Milan dell’ultimo periodo aveva perso la propria fisionomia, perché aveva troppe assenze sulla trequarti e anche chi aveva recuperato, tipo Brahim Diaz o Saelemaekers, non era al meglio. Leao è l’elemento che aggiunge imprevedibilità e obbliga le difese avversarie al raddoppio, liberando allo stesso tempo campo per gli altri, Theo Hernandez in particolare. Pellegrini, invece, è forse l’unico nella rosa della Roma a consentire alla squadra di cambiare atteggiamento nel corso della gara: è l’uomo barometro, colui che è capace di abbassare o alzare gli altri, perché il gioco si sviluppa grazie alle sue scelte.

All’andata c’erano entrambi, vinse il Milan 2-1: sarà una partita simile?
La Roma fece l’errore, non so se consapevolmente o perché costretta, di adeguarsi al calcio del Milan. I rossoneri costruivano abbassando un mediano tra i due centrali di difesa e tenendo due uomini con i piedi sulla linea del fallo laterale, da una parte Saelemaekers e dall’altra Theo Hernandez, con Calabria invece che andava più alto. La Roma ci capì poco nella prima pressione portata da Abraham enelle successive scalate, tutte in ritardo. Così per 70’ il Milan fece quello che voleva… Da allora, però, l’impostazione giallorossa è cambiata.

Questione di modulo? Dalla difesa a quattro a quella a tre.
Non solo. La Roma ha cercato sicurezze abbassando il baricentro. A volte anche troppo, rinunciando al percorso che aveva intrapreso. Ma conil ritorno di Pellegrini, credo possa avere un pizzico di coraggio in più nel palleggio, senza andare sempre in verticale. E nel frattempo, gli accorgimenti di Mou hanno liberato Zaniolo: da seconda punta ha meno vincoli tattici, può concentrarsi solo sulla fase offensiva. Mentre Veretout può trasformarsi in trequartista d’assalto, quando i giallorossi ripartono. Ecco, posso aspettarmi una buona partita della Roma,come quella fatta a Bergamo contro l’Atalanta.

Nel Milan disponibili sia Ibra che Giroud: cosa cambia con uno o con l’altro?
Come struttura sono simili, ma come talento no. Giroud è un attaccante lineare, bravo nel dialogo, ma non ti obbliga a stringere i centrali su di lui. Ibra invece, se non lo raddoppi, ti può fare di tutto.

Chi può decidere Milan-Roma?
Anche dovesse iniziare in panchina,mi aspetto un Ibrahimovic che vuole essere protagonista, tornare a guadagnarsi i titoli per un gol o una giocata da campione. Mentre voglio vedere da Zaniolo una prova da calciatore che pensa già di essere titolare nel playoff con la Nazionale per Qatar 2022.

E a livello tattico?
Per il Milan sarà fondamentale che Tonali faccia il Kessie, proponendosi in avanti e dando una carta offensiva in più a Pioli. All’equilibrio ci deve pensare Krunic, che dovrà essere bravo a leggere le linee di passaggio delle ripartenze giallorosse, mentre il ticket sulla sinistra sarà la costante su cui puntare per aprire la Roma, quando si chiuderà. Dall’altra parte, Mourinho deve ottenere molto da Pellegrini, cui chiederà di sdoppiarsi: sarà mezzala quando ci si difende e trequartista quando si attacca. Il resto lo deve fare la coppia d’attacco: Zaniolo con gli uno contro uno devastanti e Abraham con gli scambi stretti.

Pioli e Mou cosa possono trovare in panchina?
Più qualità il primo, tanti strappi il secondo. Ibra, Leao, Krunic, Rebic per Pioli; Felix, Mkhitaryan, El Shaarawy e Shomurodov per Mourinho.

Solita domanda, Lele: è più importante oggi per il Milan o per la Roma?
Una vittoria sarebbe molto pesante per i rossoneri, soprattutto come impatto psicologico e segnale forte al campionato. Se l’Inter non dovesse giocare a Bologna come sembra e il Milan battere la Roma, ci sarebbe un solo punto di distanza tra le milanesi. Per la testa fa molto, anche perché la squadra di Pioli, anche lo scorso anno, ha sempre saputo rialzarsi quando sembrava al tappeto.

La Roma, però, può permettersi di perdere altro terreno in ottica quarto posto?
In teoria no, ma dai giallorossi mi aspetto un passo in avanti in fatto di maturità, indipendentemente dalla gara di oggi. La Roma sa di essere forte, ma non ha ancora la continuità dei forti. Se non la trova, raggiungere gli obiettivi diventa impossibile.

 

 

 

 

 

photocredits: Gazzetta.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tutti convocati

Radio rossonera live

torna al live

La radio 24/7 dedicata al Milan