Milan, Abate: “In Primavera cresciuto grazie anche a Pioli, ora i grandi”

I più letti

Ignazio Abate ha parlato della sua esperienza sulla panchina del Milan Primavera proiettandosi verso il futuro in una prima squadra

Ignazio Abate ha annunciato che lascerà la panchina del Milan Primavera dopo l’eliminazione dai playoff contro la Lazio. L’ex terzino è intervenuto ai microfoni di TMW ripercorrendo la sua esperienza nel settore giovanile rossonero che gli ha permesso di crescere e iniziare a intraprendere un percorso tra i professionisti.

Le sue parole

Sul Milan Primavera e il futuro: È un’esperienza bellissima, sono stati due anni intensi e belli, lavorare con i giovani ti arricchisce, anche umanamente. La Youth League ti permette di confrontarti con realtà di primo livello in Europea e abbiamo avuto la fortuna di farla, io e i ragazzi ce la porteremo dentro. Non potevo chiedere di meglio per me e per i ragazzi. Credo sia arrivato il momento di confrontarmi con i grandi“.

Su Pioli: Lo devo solo ringraziare, sono stati due anni belli, nei quali ho avuto la fortuna di stare a stretto contatto con lui. Mi ha fatto crescere, ci siamo confrontati spesso e, mai come quest’anno, 5 o 6 dei miei ragazzi sono passati in prima squadra e sono contento abbiano dato una mano. È una cosa incredibile, nessuno in Europa ne ha portati così tanti in pianta stabile in prima squadra. Al mister sono legato, gli faccio un grosso in bocca al lupo per il futuro”.

Su Camarda: “Ha un grandissimo talento, abbiamo scelto di portarlo in Primavera. Ha iniziato con delle difficoltà, gioca 4 anni sotto età, è normale e non è stato semplice. Dopo uno o due mesi ha dimostrato le sue qualità anche in Primavera, ha fatto 4-5 mesi di assoluto livello. Spero risolva le sue questioni personali, gli auguro un grande futuro nel club”.

 

 

Ultime news

Notizie correlate